Grande successo

I lavoratori della Corneliani sono salvi: trovato l’accordo e 10 milioni di euro

Dopo 40 giorni di manifestazioni e presidi è arrivata una grande vittoria.

I lavoratori della Corneliani sono salvi: trovato l’accordo e 10 milioni di euro
Mantova, 22 Luglio 2020 ore 09:56

(In copertina foto tratta dalla Pagina Facebook Filctem CGIL Mantova)

L’accordo è stato firmato e i 10 milioni di euro sono stati trovati: lo Stato entra in Corneliani. “Una grande vittoria dei lavoratori e della loro incessante mobilitazione”.

Il commento dei sindacati

FILCTEM CGIL Mantova, FEMCA CISL Asse del Po e UILTEC UIL Mantova hanno combattuto con le unghie e con i denti questa lunga battaglia che, alla fine, dopo mobilitazioni e proteste, ha portato al risultato auspicato: i lavoratori della Corneliani sono salvi, continueranno a svolgere il proprio mestiere grazie all’accordo firmato ieri e ai 10 milioni necessari per continuare. Di seguito la nota dei sindacati, fieri e gloriosi per il traguardo raggiunto:

Volevamo che la riunione di oggi diventasse il tavolo delle risposte: e, dopo ore di trattativa, così è stato. Il Ministero dello sviluppo economico si è formalmente impegnato per un finanziamento completamente pubblico per l’azienda che avverà verosimilmente entro la fine di settembre, in una cifra non inferiore ai 10 milioni di euro. Ciò configura l’azienda come la prima, sull’intero scenario nazionale , ad utilizzare questo fondo previsto dall’art 43 del Decreto Rilancio Italia.

Ciò potrà permettere, con specifico impegno da parte dell’azienda, a partire dal consiglio di amministrazione previsto per domani, di sbloccare la produzione aziendale, dopo opportuno passaggio autorizzativo con il tribunale, con tutta probabilità già sul finire della prossima settimana.

Rimane ovviamente immutata, ribadita da noi anche nella riunione di oggi, la nostra richiesta all’attuale proprietà di versare nuovo capitale di rischio da qui a fine settembre, in modo da poter congiuntamente sostenere lo sforzo pubblico innovativo trovato questo pomeriggio.

Un grazie alle lavoratrici e ai lavoratori Corneliani per averci sempre creduto e per aver sostenuto questa battaglia lunga 40 giorni: la lotta paga, sempre!

Grazie alle istituzioni per, dopo averci ascoltato e supportato, aver trovato vere soluzioni: un grazie a partire dal Sindaco Palazzi, dai Ministri Patuanelli e Bonetti e alle sottosegretarie Morani, Todde e a sua eccellenza il Prefetto Bellantoni.

Finché non riaprirà la produzione, come abbiamo sempre detto, confermiamo le iniziative di mobilitazione partendo dal presidio fuori dai cancelli della fabbrica.

L’esultanza del sindaco Palazzi

Si legge sul profilo Facebook del Sindaco Palazzi, dopo ore di trattative:

La Corneliani può ripartire! Finite adesso cinque ore di negoziazione. La speranza, la tenacia, la voglia di aiutare la Corneliani, le sue lavoratrici e lavoratori ad avere un futuro, a riprendere il lavoro della loro vita, per il quale hanno lottato come leoni. Ci siamo riusciti!
Il primo passo è fatto e consentirà entro pochissime settimane di riprendere la produzione, grazie ad un lavoro di squadra bellissimo col governo, con il Ministro Patuanelli e le sottosegretarie Alessia Morani e @AlessandraTodda.

Il Governo entrerà con 10 milioni di capitale nella Corneliani e questo consentirà di riavviare la produzione. Insieme al Governo nei prossimi giorni farò altri passi e incontri, ma possiamo dire che la Corneliani riparte.

La strada è ancora lunga e difficile. Continuerò a fare più della mia parte per creare alleanze e aiutare le soluzioni.

Ma oggi posso dire, con gioia e vera commozione, alle quasi 500 famiglie che lavorano in Corneliani, che ci vediamo presto in fabbrica, la vostra fabbrica!

LEGGI ANCHE: La lettera del sindaco Palazzi al fondo Investicorp per non abbandonare i lavoratori della Corneliani

Lavoratori Corneliani invadono piazza Sordello: il sindaco Palazzi invita la cittadinanza a sostenerli

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia