Schianto mortale Goitese: fissati i funerali del 21enne Carlo

Domani, venerdì 22 febbraio 2019, i funerali del 21enne morto sulla Goitese.

Schianto mortale Goitese: fissati i funerali del 21enne Carlo
Cronaca Alto Mantovano, 21 Febbraio 2019 ore 15:07

Schianto mortale sulla Goitese: il 22 febbraio 2019 i funerali del 21enne Carlo Bertani.

Il giorno dell'addio al giovane

Si terranno domani, venerdì 22 febbraio 2019, i funerali di Carlo Bertani, il 21enne di Marmirolo deceduto la mattina di martedì 19 febbraio 2019 nel terribile schianto mortale che si è verificato lungo la strada provinciale Goitese all'altezza della carrozzeria Bignoni, tra Marmirolo e Marsiletti di Goito. I funerali sono stati fissati per le 15.30 nella chiesa di Marmirolo, paese dove il 21enne viveva insieme alla famiglia, con partenza alle 15 dalle camere mortuarie dell'ospedale Carlo Poma di Mantova. Un momento difficile e doloroso per la famiglia, per gli amici e conoscenti e per tutta la comunità di Marmirolo, che dovranno affrontare il momento del saluto ad una così giovane vita spezzata sulla strada. Il 21enne, la mattina di martedì, era di ritorno dal lavoro, dopo il turno di notte alla ditta Relevi di Rodigo, dove lavorava già da qualche tempo.

LEGGI ANCHE: Mega incidente sulla A22: un morto e 23 feriti

Ragazzo solare, pieno di vita

La moto, lo sport, la palestra, i viaggi, la fidanzata. Aveva tante passioni il 21enne Carlo Bertani. Dopo aver concluso il proprio percorso scolastico, aveva deciso di darsi da fare nel mondo del lavoro. Oggi lavorava alla Relevi, da dove martedì mattina poco dopo le 6 stava tornando verso casa una volta concluso il turno di notte. Ma oltre al lavoro, Carlo aveva anche tante passioni, come ricordano gli amici, il papà Umberto, la mamma Mariagrazia e la sorella Piera: la moto, la palestra, i viaggi, la propria fidanzata. Quando non era impegnato sul lavoro, durante la bella stagione, non di rado il 21enne saliva sulla proprio motocicletta e partiva per qualche gita. Dalla sua pagina facebook emerge anche come fosse appassionato di softair, ovvero quella pratica sportiva, decisamente in voga negli ultimi anni, nell’ambito della quale vengono simulate azioni di guerra e simili in luoghi spesso immersi nella natura o impervi. E, sempre sulla pagina facebook, tanti amici e conoscenti, appreso del tragico schianto, stanno lasciando chi un messaggio di cordoglio, chi un saluto, chi un ricordo.

LEGGI ANCHE: Uomo aggredito nella notte a Mantova