Tragedia a Borgo Virgilio

Morta a 42 anni, pochi giorni prima l’avevano dimessa. Ora indaga la Procura

Caso di malasanità o morte inevitabile?

Morta a 42 anni, pochi giorni prima l’avevano dimessa. Ora indaga la Procura
Mantova, 09 Settembre 2020 ore 15:05

Caso di malasanità o morte inevitabile? E’ questo che ora dovrà scoprire la Procura di Mantova che dovrà capire cosa abbia portato alla morte di Silvia Persi, 42enne di Borgo Virgilio deceduta tra il 4 e il 5 settembre all’ospedale di Mantova. Tre giorni prima era stata rispedita a casa dal pronto soccorso.

Morta dopo essere stata mandata a casa dal pronto soccorso

Il 1 settembre Silvia Persi si reca in pronto soccorso per un malore ma quello stesso giorno il medico di turno, non riscontrando alcuna problematica medico, la rimanda a casa dimettendola. Solo tre giorni dopo, nella giornata del 4 settembre, Silvia si sente nuovamente male e un’ambulanza la riporta al Poma di Mantova, da dove purtroppo non uscirà viva. All’arrivo della donna in ospedale la situazione precipita: a causa di una crisi respiratoria viene trasferita nel reparto di rianimazione ma purtroppo, nonostante i tentativi dei medici di salvarla, la 42enne non supera la notte.

L’indagine della Procura

A seguito di questa tragica morte la Procura di Mantova ha aperto un’indagine per capire cosa sia realmente successo, su richiesta del marito della 42enne che vuole – giustamente – capire se questa tragedia poteva essere evitata. La cartella clinica della donna è già in mano agli inquirenti che la stanno esaminando.

E’ stata inoltre disposta l’autopsia che verrà effettuata nelle prossime ore e che potrebbe rilevare importanti dettagli sul caso. Ad oggi una delle ipotesi possibili è che la morte della giovane donna sia imputabile ad un ictus fatale.

Basta passaggi a livello a Mantova: siglato l’accordo per una città più sicura

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia