Questa mattina

Cinque studenti 15enni intrappolati nell'ascensore della stazione di Poggio Rusco per un'ora

I giovani sono stati liberati dai Vigili del Fuoco, sul posto anche un'ambulanza ma nessuno si è sentito male

Cinque studenti 15enni intrappolati nell'ascensore della stazione di Poggio Rusco per un'ora
Pubblicato:

Immediatamente, sono stati mobilitati i Vigili del Fuoco di Suzzara e Castelmassa.

Poggio Rusco, cinque studenti bloccati in ascensore

Una mattinata iniziata con la consueta routine si è trasformata in un'ora di paura per cinque studenti che si stavano recando a scuola. Mercoledì 29 maggio, verso le 7.30, quattro ragazzi e una ragazza di età compresa tra i 15 e i 16 anni sono rimasti bloccati nell'ascensore della stazione ferroviaria di Poggio Rusco, in provincia di Mantova.

La stazione di Poggio Rusco:

Ogni giorno, i ragazzi prendono lo stesso ascensore per raggiungere la banchina del treno che li porta a scuola. Tuttavia, questa mattina qualcosa è andato storto,  l’ascensore si è fermato improvvisamente tra due piani lasciando gli studenti intrappolati all'interno.

Liberati dai pompieri, ambulanza sul posto

La situazione ha creato non poca apprensione. I giovani hanno subito allertato i soccorsi utilizzando i loro cellulari. Immediatamente, sono stati mobilitati i Vigili del Fuoco di Suzzara e Castelmassa mentre un mezzo del 118 è stato messo in allerta per un possibile intervento sanitario.

Dopo circa un'ora di tensione e con i soccorritori impegnati a tranquillizzare gli studenti attraverso la porta dell’ascensore, sono stati i Vigili del Fuoco di Suzzara a riuscire finalmente a sbloccare il meccanismo e liberare i ragazzi. Sul posto erano presenti anche i Carabinieri e un’ambulanza del servizio di Soccorso Azzurro, pronti a intervenire in caso di necessità.

Fortunatamente, i cinque studenti non hanno riportato ferite o malori, sebbene fossero chiaramente un po' scossi dall’esperienza. Dopo essere stati liberati, sono stati visitati dai sanitari presenti sul posto, che hanno confermato che nessuno di loro necessitava di ricovero ospedaliero.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali