Atti persecutori e violenti

Percosse e lesioni a moglie e figlia: il Questore ammonisce marito violento

Nel caso di reiterazione di questi comportamenti, il responsabile potrà essere considerato passibile di arresto.

Percosse e lesioni a moglie e figlia: il Questore ammonisce marito violento
Mantova, 19 Settembre 2020 ore 14:08

Percosse e lesioni a moglie e figlia: il Questore di Mantova ammonisce marito violento. Ora rischia l’espulsione e in caso di reiterazione sarà passibile di arresto.

Percosse e lesioni a moglie e figlia

Il Questore della Provincia di Mantova Paolo Sartori ha emesso, nella giornata di ieri, la Misura di Prevenzione Personale dell’ “Ammonimento” nei confronti di un 43enne straniero, con regolare Permesso di Soggiorno, per aver ripetutamente posto in essere atti persecutori e violenti nei confronti della moglie e della figlia.

Gli episodi sono iniziati alcuni mesi orsono, allorquando costui, dopo aver perso il lavoro, ha iniziato ad avere atteggiamenti aggressivi e violenti nei confronti della famiglia, aggravati, anche, dall’abuso di sostanze alcoliche.

L’ennesimo litigio

Nei giorni scorsi, a seguito dell’ennesimo litigio con la moglie, il soggetto la colpiva con calci e pugni, procurandole lesioni in varie parti del corpo e, successivamente, infieriva anche sulla figlia 14enne, colpevole di essere intervenuta per difendere la madre.

La richiesta d’aiuto

La donna, non potendo più sopportare la situazione che si era venuta a creare, sempre più gravemente persecutoria e limitativa della propria libertà personale, oltre che pesantemente compromissoria del proprio equilibrio psico-fisico – tanto da avere costretto tutto il nucleo familiare a cambiare radicalmente il proprio modo di vivere, temendo per la propria incolumità, e nel vano tentativo di sottrarsi alle iniziative violente del suo oppressore – ha deciso, esausta, di richiedere l’intervento della Polizia.

Il caso è stato, quindi, attentamente vagliato dalla Divisione Anticrimine della Questura di Mantova, che ha effettuato tutti gli accertamenti necessari volti a comprovare l’indole violenta del marito, il quale, al momento, si trova in custodia cautelare in carcere in attesa del Processo che lo vede imputato di resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.

Decreto di Ammonimento

Il Questore Sartori, pertanto, accogliendo l’istanza avanzata dalla vittima e la proposta formulata dalla Divisione Anticrimine, ha emesso in via d’urgenza, nei confronti di costui, un Decreto di Ammonimento: strumento giuridico di natura amministrativa previsto dalla legge che tutela le vittime di maltrattamenti in famiglia e di atti persecutori, con il quale i soggetti destinatari di questa Misura di Prevenzione vengono intimati a cessare immediatamente i propri comportamenti vessatori nei confronti della vittima, venendo contestualmente invitati a rivolgersi ai Centri Psico-Sociali presenti nel territorio di residenza, al fine di ottenere un supporto psicologico nell’ottica di un percorso di ristabilimento di normali e serene relazioni interpersonali.

Rischia espulsione e arresto

Sempre il Questore Sartori ha disposto che il competente Ufficio Immigrazione della Questura esamini immediatamente la posizione di costui sul nostro Territorio Nazionale, al fine di verificare l’esistenza dei presupposti per la sua Espulsione dall’Italia.

Nel caso di reiterazione di questi comportamenti persecutori, il responsabile potrà essere considerato passibile di arresto.

Lascia tracce di sangue sul luogo del furto: ladro seriale incastrato grazie al DNA

TORNA ALLA HOME

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia