Cronaca
campagna vaccinale

Flop nuovo vaccino, a Mantova nessuna somministrazione di Novavax

Il vaccino "bio" che doveva convincere i No vax non ha - nel primo giorno di somministrazione - convinto per ora.

Flop nuovo vaccino, a Mantova nessuna somministrazione di Novavax
Cronaca Mantova, 02 Marzo 2022 ore 12:36

Dal 1 marzo, com'è noto, in Lombardia è iniziata la somministrazione del vaccino Novavax che però a Mantova è stato un vero e proprio flop. Nessuna somministrazione di Novavax è avvenuta a Mantova.

A Mantova nessuna somministrazione di Novavax

Il nuovo vaccino sarà somministrato soltanto all’hub La Favorita - Grana Padano Arena ed è destinato ai cittadini di età superiore ai 18 anni che devono ricevere la prima dose. Il ciclo completo consiste nella somministrazione di due dosi a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra, ma evidentemente neanche questo siero ha convinto i No vax a sottoporsi alla profilassi anti Covid.

A Mantova dunque nessuno è stato vaccinato col Novavax nella prima giornata disponibile, ossia quella di ieri martedì 1 marzo 2022. Complessivamente invece, per l'Ats Val Padana, le dosi di Novavax somministrate sono state 23, tutte nel centro vaccinale della Fiera di Cremona.

LEGGI ANCHE: Vaccini Covid: partono da lunedì 28 febbraio le somministrazioni di Novavax

Novavax di scorta resta inscatolato

Domenica 27 febbraio all'ospedale Carlo Poma di Mantova sono state consegnate 7.400 dosi di vaccino Novavax che fino a ieri sono rimaste intonse.

Come funziona e perché è "bio"

Il vaccino Novavax è un siero "bio", a base di proteine ricombinanti che contengono nanoparticelle e utilizza un agente patogeno per stimolare la risposta immunitaria. Una tecnica non nuova: è la stessa che ha permesso di realizzare i vaccini in uso per l'epatite B e la meningite.

Il siero contiene anche un adiuvante (la saponina) che rafforza la risposta immunitaria indotta.

Una volta somministrato, il sistema immunitario identificherà le particelle proteiche come estranee e produrrà difese naturali tramite anticorpi IgG ed IgM selettivi e tramite la produzione dei linfociti T e B. Se, in seguito, la persona vaccinata entra in contatto con il virus, il sistema immunitario riconoscerà la proteina Spike   e sarà pronto ad attaccarla.

Come funzionerà

I test hanno prodotto risultati confortanti. L'efficacia è pari al 90% (testata però prima della variante Delta) alla pari dei vaccini a mRna e gli unici effetti collaterali (ovviamente a breve termine) verificati sono stati sintomi influenzali. Si conserva in frigorifero per 6 mesi.
Verrà somministrato in due dosi a distanza di 21 giorni tra loro e potrà essere impiegato anche come terza dose per chi si è già sottoposto a doppia inoculazione con altri vaccini.

LEGGI ANCHE: L'Ema dà l'ok a Novavax, il vaccino "bio" che può convincere i No vax

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter