Attualità
dal 1 marzo

In arrivo a Mantova il nuovo vaccino Novavax

Il vaccino sarà somministrato soltanto all’hub La Favorita - Grana Padano Arena ed è destinato ai cittadini di età superiore ai 18 anni che devono ricevere la prima dose.

In arrivo a Mantova il nuovo vaccino Novavax
Attualità Mantova, 25 Febbraio 2022 ore 17:52

Il vaccino sarà somministrato soltanto all’hub La Favorita - Grana Padano Arena ed è destinato ai cittadini di età superiore ai 18 anni che devono ricevere la prima dose.

In arrivo all'Hub la Favorita il vaccino Novavax

Asst Mantova darà il via martedì 1 marzo 2022 alla somministrazione del nuovo vaccino anti Covid Nuvaxovid (Novavax), in arrivo lunedì mattina all'ospedale di Mantova.

Il vaccino sarà somministrato soltanto all’hub La Favorita - Grana Padano Arena ed è destinato ai cittadini di età superiore ai 18 anni che devono ricevere la prima dose. Il ciclo completo consiste nella somministrazione di due dosi a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra.

Quando potersi  vaccinare

Sarò possibile sottoporsi alla vaccinazione liberamente oppure prenotandosi tramite i consueti canali. Ecco i nuovi orari dell’hub La Favorita di Mantova, in vigore fino al 25 marzo: lunedì, giovedì e sabato dalle 8 alle 14; martedì, mercoledì e venerdì dalle 14 alle 19.

LEGGI ANCHE: Arriva Novavax, ma ormai nessuno si vaccina più: crollate le somministrazioni tra minori e over 50

Come funziona e perché è "bio"

Il vaccino Novavax è un siero "bio", a base di proteine ricombinanti che contengono nanoparticelle e utilizza un agente patogeno per stimolare la risposta immunitaria. Una tecnica non nuova: è la stessa che ha permesso di realizzare i vaccini in uso per l'epatite B e la meningite.

Il siero contiene anche un adiuvante (la saponina) che rafforza la risposta immunitaria indotta.

Una volta somministrato, il sistema immunitario identificherà le particelle proteiche come estranee e produrrà difese naturali tramite anticorpi IgG ed IgM selettivi e tramite la produzione dei linfociti T e B. Se, in seguito, la persona vaccinata entra in contatto con il virus, il sistema immunitario riconoscerà la proteina Spike   e sarà pronto ad attaccarla.

Come funzionerà

I test hanno prodotto risultati confortanti. L'efficacia è pari al 90% (testata però prima della variante Delta) alla pari dei vaccini a mRna e gli unici effetti collaterali (ovviamente a breve termine) verificati sono stati sintomi influenzali. Si conserva in frigorifero per 6 mesi.
Verrà somministrato in due dosi a distanza di 21 giorni tra loro e potrà essere impiegato anche come terza dose per chi si è già sottoposto a doppia inoculazione con altri vaccini.

LEGGI ANCHE: L'Ema dà l'ok a Novavax, il vaccino "bio" che può convincere i No vax

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter