Cronaca
Regionale

Colpo di pistola nella sede della Polizia municipale, morto un agente 31enne

Dramma a Lecco: l'uomo è stato soccorso in codice rosso, ma non ce l'ha fatta.

Colpo di pistola nella sede della Polizia municipale, morto un agente 31enne
Cronaca 26 Novembre 2020 ore 09:21

Dramma nel pomeriggio di mercoledì 25 novembre 2020 a Lecco. Come riportano i colleghi di Prima Lecco, un colpo di pistola è stato sparato nella sede della Polizia Municipale e un agente 31enne ha perso la vita.

Colpo di pistola nella sede della Polizia municipale

Colpo di pistola in via Sassi a Lecco, al civico 18. Vale a dire all'interno del palazzo che è anche sede del Comando della Polizia municipale oltre che di altri uffici comunali. Un uomo, un agente di 31 anni, Andrea Marchiori, ha perso la vita.

Prima delle 16.30 sono intervenuti in codice rosso i soccorsi sanitari d’emergenza, vale a dire un’autoambulanza e un’automedica del 118. Allertata la Questura di Lecco. Sul posto la Digos con il questore Alfredo D’Agostino e i Carabinieri. Anche il sindaco Mauro Gattinoni e la vicesindaco Simona Piazza (in qualità di assessore alla Polizia locale) hanno in breve raggiunto il Comando della Polizia municipale teatro della disgrazia.

Ferito a morte un agente

Nulla di preciso si sa ancora di quello che è realmente avvenuto all’interno dell’edificio. Il palazzo è stato  presidiato da un cordone di agenti e “le istituzioni stanno accertando la dinamica dei fatti”. E’ certo che è stato esploso un colpo di arma da fuoco, udito da testimoni anche all’esterno, in cortile. Ad essere colpito un agente che poi, nonostante la rianimazione in emergenza tentata sul posto dai sanitari, è deceduto. Tra le ipotesi accreditate, quella che si sia trattato di un gesto di autolesionismo.

GUARDA LE FOTO SU PRIMA LECCO

LEGGI ANCHE

Coronavirus, 10.933 positivi: la situazione a Mantova e provincia giovedì 26 novembre 2020

TI POTREBBE INTERESSARE

Addio a Maradona, nel 1988 ha giocato a Castiglione

Covid, la situazione tragica delle Rsa nel mantovano: richiesto l’intervento di Regione