Cronaca
I numeri

Covid, la situazione tragica delle Rsa nel mantovano: richiesto l'intervento di Regione

Secondo l'Ats nel nostro territorio sono 16 le strutture per anziani con ospiti e operativi risultati positivi al Covid. 

Covid, la situazione tragica delle Rsa nel mantovano: richiesto l'intervento di Regione
Cronaca Mantova, 25 Novembre 2020 ore 11:48

Secondo l'Ats nel nostro territorio sono 16 le strutture per anziani con ospiti e operativi risultati positivi al Covid.

A Quistello evacuata l'Rsa i Ciclamini

La situazione più allarmante è quella della Rsa i Ciclamini di Quistello, dove si contano almeno 63 anziani positivi, 5 dei quali hanno già perso la vita. Ma oltre agli ospiti si contano anche 20 operatori contagiati. Una situazione tanto grave da dover ricorrere all'evacuazione della struttura non essendoci le condizioni sufficienti di sicurezza per operare e per vivere, una situazione tanto grave da richiedere l'intervento dei Militari inviati dal commissario Arcuri.

L'evacuazione verrà effettuata gradualmente in questi giorni, partendo dagli ospiti negativi (risultati essere negativi a 3 tamponi ciascuno), alcuni dei quali ieri sono stati portati alla Rsa Villa Azzurra di Borgoforte, dove per il momento non sono stati riscontrati casi di positività.

Anche gli ospiti più gravi sono stati fatti uscire dalla struttura, trasportati all'ospedale Pieve di Coriano.

Anche a Ostiglia 58 positivi

Altra grave situazione si è riscontrata ad Ostiglia, nella casa di riposo "Morando", dove 10 operatori e ben 58 ospiti sono risultati positivi al covid. Fortunatamente la Rsa "Belfanti", l'altra casa di riposo cittadina, non ha riscontrato nessun caso.

Casi anche a Bozzolo e Marcaria e in diverse altre Rsa della zona

Anche nelle Rsa di Bozzolo e Marcaria sono stati scoperti almeno 30 casi tra i pazienti e 15 operatori positivi, mentre a Schivenoglia "solo" 2 ospiti e 8 operatori, a Monzambano 11 ospiti e 4 operatori.

A Volta Mantovana ad oggi 2 ospiti e due operatori, a Sabbioneta un operatore, a Borgofranco un ospite e a Sermide 2 operatori.

Poma pieno di malati Covid, troppi vengono dalle Rsa del Mantovano

Nel weekend appena trascorso il Poma è stato letteralmente "assediato" da malati covid provenienti dalle Rsa del Mantovano, tanto che per alcuni anziani è stato necessario il trasporto presso l'ospedale di Brescia non essendoci spazio per loro a Mantova.

Una situazione che diventa sempre più allarmante e che ha portato i dirigenti dell'Asst di Mantova a chiedere ufficialmetne a Regione un intervento concreto, necessitando di attivare altri letti per i pazienti malati di Covid provenienti dalle Rsa, da posizionare in strutture ospedalieri differenti da quelle per acuti.

La preoccupazione del consigliere regionale Fiasconaro

Andrea Fiasconaro, Consigliere regionale M5S Lombardia originario della Bassa, chiede un intervento tempestivo di Regione:

“Le notizie quotidiane che leggiamo sulla stampa locale testimoniano la situazione critica in cui versano le RSA in provincia di Mantova. L’esempio lampante è la casa di riposo I Ciclamini di Quistello, che da questa mattina sta subendo un’evacuazione graduale degli ospiti legata all’emergenza Covid.” Dichiara il consigliere regionale M5S Andrea Fiasconaro. “Quistello rappresenterebbe la punta dell’iceberg. Sono molto preoccupato per la piega che sta prendendo questa situazione, per cui mi appello a Regione affinché intervenga tempestivamente con misure serie per arginare i danni dovuti all’aumento dei contagi, prima che sia troppo tardi. Soprattutto chiedo a Regione di fare chiarezza sulla reale condizione in cui versa la nostra provincia per quanto riguarda le RSA.” Conclude Fiasconaro.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, 371 nuovi positivi a Mantova e provincia: la situazione mercoledì 25 novembre 2020