Al "Carlo Poma"

Medici e infermieri No Vax: altri 5 "indagati" in ospedale

Incredibile come fra il personale sanitario (che dovrebbe dare l'esempio per non infettare pazienti e malati fragili) ci sia chi nega l'evidenza.

Medici e infermieri No Vax: altri 5 "indagati" in ospedale
Attualità Mantova, 21 Agosto 2021 ore 13:27

Medici e infermieri No Vax che si ostinano a non vaccinarsi: sembra un assurdo, una contraddizione in termini invece non è così.

All'ospedale Poma

Accade all'ospedale Carlo Poma di Mantova che "vanta" uno zoccolo duro di personale sanitario anti-vaccinazione: dottori e infermieri che continuano a lavorare in mezzo a pazienti (anche fragili magari) senza essersi immunizzati. Cosa vuol dire: oltre al rischio di ammalarsi (se piace a loro, ciascuno ha i suoi gusti) possono però anche infettare chi è lì ricoverato per farsi curare. Inconcepibile, tant'è che il Governo ha emanato chiare direttive in merito: il personale sanitario che non si vuole vaccinare venga spostato ad altre mansioni non a contatto coi pazienti. D'altronde, non ci vuole un cervello da genio per capire che se sei in mezzo agli ammalati non dovresti diffondere il Covid ma (anzi) combatterlo! Eppure...

La sacca di No Vax

Eppure a Mantova resiste questa sacca di No Vax in ospedale: sono già 17 i sanitari sospesi, e da ieri altri cinque dipendenti rischiano la stessa sorte perché non vogliono assolutamente farsi vaccinare. Anzi, il portavoce di questi soggetti ha dichiarato pubblicamente alla stampa locale che "useremo ogni mezzo per sostenere le nostre ragioni". Che, a rigor di logica, quali potranno mai essere? L'evidenza scientifica ha dimostrato la validità dei vaccini (soprattutto Pfizer e Moderna) contro l'insorgere di sintomi gravi; la statistica ha certificato che i casi avversi sono lo zero-virgola su milioni... Che dire di più? Ciascuno può avere la propria opinione, certo, ma quantomeno se ne dovrà assumere le responsabilità. Anche i medici e infermieri No Vax che si ostinano a non vaccinarsi.

E in definitiva se le conseguenze sono molto pesanti (malattia, demansionamento o perdita del lavoro ad esempio) forse si può anche cambiare idea... O no?