Attualità
Ospite d'eccezione

Il regista Wes Anderson in visita a Mantova e Sabbioneta: "È la seconda volta in un mese, ma tornerà ancora"

L'autore del film "Asteroid City", recentemente sul grande schermo, ha fatto un giro con la famiglia alla mostra di Rubens e a Palazzo Ducale

Il regista Wes Anderson in visita a Mantova e Sabbioneta: "È la seconda volta in un mese, ma tornerà ancora"
Sabbioneta Aggiornamento:

Un ospite d'eccezione - dopo la recente comparsata improvvisa dell'attore Justin Timberlake - ha fatto visita con la sua famiglia in due città della nostra provincia: stiamo parlando di Wes Anderson, regista cinematografico di fama internazionale che lo scorso venerdì, 27 ottobre 2023, ha voluto ammirare da vicino le bellezze storiche, artistiche e architettoniche di Mantova e Sabbioneta.

Wes Anderson con la famiglia in visita tra Mantova e Sabbioneta

La soddisfazione per i sindaci di Mantova e Sabbioneta, nell'avere un visitatore di tale caratura internazionale, è stata grande. D'altronde, non è da tutti i giorni ospitare nella propria città una vera e propria star del calibro di Wes Anderson, regista statunitense classe 1969, passato recentemente nelle sale cinematografiche di tutto il mondo con la sua ultima opera "Asteroid City".

Ma prima di addentrarci nei dettagli nella sua bio, vediamo più da vicino i luoghi della nostra provincia che Wes Anderson ha voluto visitare in compagnia della sua famiglia. Innanzitutto, il regista di Houston (Texas) è passato dal capoluogo dove ha colto l'occasione di ammirare coi suoi occhi le 52 opere del pittore fiammingo Rubens in esposizione a Palazzo Te.

"Wes Anderson a Mantova per la seconda volta in un mese - ha dichiarato il sindaco di Mantova, Mattia Palazzi - Oggi ha visitato la mostra di Rubens a Palazzo Te e tornerà ancora, presto, nella nostra città".

Più tardi, poi, Wes Anderson, con moglie e figlia, ha percorso i quasi 33 km che separano Mantova da Sabbioneta per raggiungere la città fondata dal duca Vespasiano. Qui, infatti, il regista americano non si è voluto perdere l'opportunità di osservare le bellezze artistiche e architettoniche del Palazzo Ducale, accompagnato nella sua visita dal sindaco Marco Pasquali:

"Che piacere accompagnare Wes Anderson e la sua bella famiglia all’interno delle nostre meraviglie. Non c’è niente da fare, lo stupore per la bellezza di Sabbioneta contagia proprio tutti!".

391766390_10228274527601743_3568855797536302905_n
Foto 1 di 2
391717964_10228274527441739_8810045723730064611_n
Foto 2 di 2

"Wes Anderson tornerà ancora": la bio del regista

Sia a Mantova che a Sabbioneta, Wes Anderson, che come affermato in precedenza è giunto nella nostra provincia per la seconda volta in un mese, ha fatto sapere che tornerà presto. Una dichiarazione che ci riempie d'orgoglio sotto due diversi punti di vista: da un lato perché evidenzia ancora una volta il valore storico e culturale del nostro territorio; dall'altro, invece, perché - e qui permetteteci di sognare un po' - apre la possibilità di un suo ritorno non da turista, bensì con la macchina da presa in mano e quindi per girare qualche scena di un suo prossimo film.

D'altronde, la peculiarità del regista Wes Anderson, divenuto celebre in tutto il mondo, sta nella maniacale attenzione verso la fotografia, prerogativa che anima le sue pellicole facendole diventare, in senso estetico, come dei tableaux vivants ossia quadri in movimento. Il nostro territorio, sotto questa prospettiva, si presta benissimo all'occhio di un cineasta del suo calibro.

Ma come ci è arrivato Wes Anderson a un tale successo internazionale? Nato il 1° maggio 1969 a Houston (Texas - Usa), inizia la sua carriera da regista e sceneggiatore cinematografico nel 1996 con "Bollet Rocket - Un colpo da dilettanti", pellicola per la quale ha collaborato con il celebre attore hollywoodiano Owen Wilson, anch'egli agli inizi della sua carriera.

Il primo vero successo alla regia però arriva nel 2001 con il lungometraggio "I Tenenbaum", film che lo porta a essere nominato per gli Oscar per la prima volta.

Con la scrittura di "Fantastic Mr. Fox", pellicola d'animazione in stop-motion del 2009, si apre una seconda fase nella vita cinematografica di Wes Anderson nella quale i colori assumono una centralità ancora maggiore e l'inquadratura diviene perfettamente simmetrica e centrata.

Fantastic Mr. Fox

Nel 2014, invece, ottiene un grande successo di pubblico e di critica - ha guadagnato quasi 175 milioni di dollari in tutto il mondo e vinto quattro Oscar - con il film "Grand Budapest Hotel", una storia a scatole cinesi che si svolge nella cornice di un esclusivo hotel montano dei Carpazi.

Grand Budapest Hotel

Negli ultimi mesi, invece, è tornato sul grande schermo con il suo ultimo lungometraggio dal titolo "Asteroid City" nel cui cast ha visto la partecipazione di Scarlett Johansson, Bryan Cranston, Tom Hanks e Maya Hawke.

Seguici sui nostri canali