Covid Lombardia: cosa è cambiato nel mercato immobiliare milanese

Covid Lombardia: cosa è cambiato nel mercato immobiliare milanese
27 Giugno 2020 ore 07:00

L’emergenza Covid è stata determinante in moltissimi settori economici e quello che è successo negli ultimi mesi probabilmente avrà dei risvolti che dovremo portarci dietro per molto più tempo di quello che potevamo immaginare. Per quanto riguarda il settore immobiliare, la situazione sembra essere disastrosa per coloro che intendevano vendere la propria abitazione mentre per chi aveva in mente di acquistare una nuova casa questo potrebbe essere il momento perfetto. Il Covid ha avuto un impatto significativo, soprattutto in Lombardia: la regione italiana più colpita in assoluto. Scopriamo cosa è cambiato e cosa cambierà nei prossimi mesi. 

Vendite in calo soprattutto a Milano

I dati in nostro possesso sull’andamento del mercato immobiliare a Milano nel primo trimestre del 2020 non sono certo positivi, perché è stato registrato un calo delle compravendite davvero significativo. Bisogna però specificare che in questi mesi il settore immobiliare ha dovuto fare i conti con difficoltà che già adesso per esempio non ci sono più: la quarantena forzata, il lockdown, la paura delle persone. Anche se non possiamo ancora escludere il pericolo di una seconda ondata, per il momento possiamo dire che le cose si sono in parte sistemate. Potrebbero dunque aumentare anche le compravendite, che però rimarranno comunque in una soglia inferiore rispetto all’anno precedente. 

I milanesi cercano appartamenti con più stanze

La quarantena ha influito in modo significativo anche sulle necessità dei milanesi, che secondo le recenti statistiche hanno rivalutato la tipologia di appartamenti di loro interesse. Se fino all’anno scorso sui monolocali Milano aveva quasi più richieste che offerte, adesso le cose sembrano essersi capovolte. Probabilmente proprio per via della quarantena, che ha costretto tutti ad una convivenza forzata in spazi spesso troppo limitati, i milanesi si sono accorti di aver bisogno di appartamenti più ampi, con un maggior numero di stanze a disposizione. 

Il giardino o il terrazzo adesso fanno la differenza

La quarantena ha portato i milanesi a desiderare anche un giardino privato o almeno un terrazzo: uno spazio all’aperto da sfruttare durante la bella stagione. Sono diversi coloro che nei mesi scorsi hanno sofferto in modo particolare, perché privi di un balcone e impossibilitati a mettere il naso fuori di casa. Al contrario, le più fortunate durante la quarantena sono state le persone che hanno potuto godere di un giardino, che ha reso tutto molto meno limitante per tutti ma anche e soprattutto per i bambini. 

È il momento giusto per comprare casa a Milano

Quel che è certo è che in questo marasma di cambiamenti il periodo attuale è perfetto per coloro che avevano in mente di acquistare casa a Milano. Come abbiamo detto infatti le agenzie immobiliari stanno registrando un calo considerevole delle vendite e anche se i prezzi non si sono ancora abbassati in modo significativo, ben presto accadrà anche questo. Si può dunque provare ad aspettare ancora qualche settimana, ma non troppo perché non ci sono grandi certezze su quello che accadrà tra qualche mese. Se le cose dovessero sistemarsi completamente, i prezzi potrebbero tornare a salire e questo di certo non sarebbe vantaggioso per gli acquirenti. 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia