Il ministro scout e l’in bocca al lupo dei membri dell’Agesci

"Considero la #politica come #servizio. Buona strada a tutti noi!".

Il ministro scout e l’in bocca al lupo dei membri dell’Agesci
Mantova, 05 Settembre 2019 ore 12:33

Dalle parole di Elena Bonetti, il nuovo Ministro preposto alle Pari Opportunità e alla Famiglia, si intuisce subito il vissuto e lo stile di vivere scout. Il primo Tweet postato dalla Bonetti dopo essere stata nominata, infatti, richiama a gran voce lo spirito scoutistico e si chiude in bellezza con un “Buona strada a tutti noi” che lascia ben poco all’immaginazione.

L'”In bocca al lupo” degli scout

Nel corso della serata di ieri su una delle numerose pagine dedicate allo scoutismo è comparso un post in cui si augura buona fortuna al nuovo Ministro, con la speranza che agisca con quel coraggio che nella vita ha contraddistinto lei e le sue scelte, sempre dettate da uno spirito di altruismo e servizio.

Organizzatrice della Route Nazionale 2014, firmò la carta del coraggio che chiedeva un’apertura verso capi omosessuali e divorziati

Nell’estate del 2014 a San Rossore si è tenuta la Route Nazionale dell’Agesci, l’Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani. A quel glorioso evento hanno partecipato più di 33mila ragazzi, seguiti dai loro capi e dai vertici dell’associazione scout tra i quali anche Elena Bonetti. Numerosi gli ospiti intervenuti, tra i quali Don Luigi Ciotti, fondatore dell’associazione “Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie”, e l’ex scout nonchè politico Matteo Renzi.

Al termine di questa grande manifestazione è stata redatta una “Carta del Coraggio”, un testo nel quale i giovani scout hanno richiesto alla stessa Agesci di “allargare i propri orizzonti affinché tutte le persone, indipendentemente dall’orientamento sessuale, possano vivere l’esperienza scout e il ruolo educativo con serenità, senza sentirsi emarginati,  consentendo ad omosessuali dichiarati di svolgere il ruolo di capo e di non considerare esperienze di divorzio, convivenza, omosessualità invalidanti la partecipazione alla vita associativa e al ruolo educativo, fintanto che l’educatore mantenga i valori dell’integrità morale”. Queste richieste avevano suscitato incredibile scalpore a livello mediatico, tra indignazione e sospiri di sollievo.

La richiesta di mettersi in discussione era rivolta anche al Vaticano: gli scout in quel momento hanno voluto dare uno scossone forte all’ambiente cristiano cattolico di cui convintamente fanno parte. E insieme a loro, a richiedere a gran voce questi cambiamenti, c’era proprio la neo-ministra Elena Bonetti in compagnia di Don Gallo.

Il ministro di fila renziana

Come raccontato ieri, il neo ministro Bonetti è vicina e affine alle idee politiche dell’ex segretario del Partito Democratico Matteo Renzi, con cui ha condiviso oltre che la passione politica anche quella scoutistica: insieme hanno organizzato “Meritare l’Italia” una scuola estiva di politica dedicata ai giovani di età compresa fra i 16 e i 30 anni e organizzata lo scorso agosto in provincia di Lucca. Fu proprio Renzi che nel 2017 riuscì a convincerla ad entrare in politica nel team della segreteria nazionale del Pd: all’epoca Bonetti svolgeva “solo” il ruolo di docente universitario, apparentemente ben lontano dalla politica.

Sul sito del Partito Democratico, nella presentazione che Bonetti fa di sè, si legge:

“La passione educativa e il desiderio di accompagnare le giovani generazioni ad essere buoni cittadini (altro riferimento scoutistico), capaci di contribuire a scrivere una storia bella e generativa per la nostra comunità, trovano le radici nel mio cammino scout. Su questa strada ho imparato la bellezza del camminare insieme, la felicità e la pienezza che nascono dal servizio, il coraggio di dire sì, la chiamata a lasciare il mondo migliore di come l’abbiamo trovato.”

Non ci resta ora che augurare buon lavoro al nuovo Ministro mantovano.

LEGGI ANCHE: Sì al Conte Bis, ecco la lista dei ministri: alle Pari Opportunità e Famiglia una docente mantovana;

E ora che fine farà l’ex Ministro Toninelli?;

L’ex sindaco di Lodi con la sua Base Riformista si aggiudica il ministero,

Il pavese Centinaio sfortunato in politica, fortunato in amore.

TORNA ALLA HOME

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia