La belle époque aperitivo in musica organizzato dai giovani del FAI di Mantova

La Camera di Commercio, progettata da Aldo Andreani e inaugurata il 1° ottobre del 1914, è il simbolo assoluto dell’art nouveau a Mantova, con la sua architettura fantasiosa e le sue decorazioni ricche e coloratissime.

La belle époque aperitivo in musica organizzato dai giovani del FAI di Mantova
Mantova, 09 Aprile 2018 ore 18:17

La belle époque: aperitivo in musica del gruppo Giovani della Delegazione di Mantova del FAI-Fondo Ambiente Italiano.

La belle époque

L’appuntamento è per sabato 21 aprile, alle ore 18, alla Loggia del Grano della Camera di Commercio di Mantova (via Spagnoli), un bellissimo edificio scelto non a caso.

Art Noveau

La Camera di Commercio, progettata da Aldo Andreani e inaugurata il 1° ottobre del 1914, è il simbolo assoluto dell’art nouveau a Mantova, con la sua architettura fantasiosa e le sue decorazioni ricche e coloratissime. Un vero e proprio salto indietro nel tempo è quello che propone, quindi, il FAI Giovani di Mantova. Il pubblico potrà partecipare a un aperitivo in musica con ricco buffet di cibo e bevande, in pieno stile belle époque. Le note saranno quelle dell’ensemble composto da Luca Truffelli (flauto), Massimiliano Brutti (clarinetto), Stefano Miglioli (fagotto), Lucio Castelli (pianoforte), Emanuela Moreschi (soprano) e Alessandro Bonatti (tenore). I partecipanti verranno accolti da figuranti in costume.  

Per sostenere il FAI

L’evento è realizzato in collaborazione con Marcegaglia, Camera di Commercio di Mantova e Forno Donini (Buscoldo) con il patrocinio del Comune di Mantova. Per partecipare è richiesto un contributo minimo a partire da 10 euro per i soci FAI e 15 euro per i non soci. Ai partecipanti verrà offerto un aperitivo con ricco buffet. E’ possibile iscriversi al FAI in loco a una quota di benvenuto agevolata. E’ richiesta l’iscrizione scrivendo alla mail: mantova@faigiovani.fondoambiente.it 

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia