In scena “Nel mare ci sono i coccodrilli”, un tuffo nel viaggio che nessuno vorrebbe di fare

Una performance teatrale per riflettere sul fenomeno delle migrazioni.

In scena “Nel mare ci sono i coccodrilli”, un tuffo nel viaggio che nessuno vorrebbe di fare
Mantova, 22 Novembre 2019 ore 17:26

Nel mare ci sono i coccodrilli: una performance teatrale per riflettere sul fenomeno delle migrazioni.

Nel mare ci sono i coccodrilli

Derive Forzate, la rassegna di sensibilizzazione sul tema delle migrazioni promossa da Arci Mantova nell’ambito del progetto Sprar “Enea” di Mantova, continua anche a dicembre.

Martedì 3 dicembre 2019 alle 21.10 all’Arci Tom si terrà “Nel mare ci sono i coccodrilli”, una performance per voci, corpi e tessuti aerei liberamente ispirato dal libro di Fabio Geda, con Sara Mansi e Ivan Osini, la scrittura scenica e la voce di Enrica Provasi e le musiche di Fabrizio Paterlini.

La trama

Lo spettacolo, ad ingresso gratuito con tessera Arci 2019/2020, racconta il destino di emigrazione di un giovanissimo afgano, fuggito dal suo Paese e passato attraverso l’Iran, la Turchia e la Grecia sulla via verso l’Italia. La rassegna è l’occasione per conoscere il progetto di accoglienza Sprar “Enea” attraverso le parole e la conoscenza di alcuni beneficiari e degli operatori che saranno presenti durante l’evento.

Se nasci nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, può capitare che anche se sei un bambino alto come una capra, qualcuno reclami la tua vita. Ecco perché quando bussano alla porta corri a nasconderti. Ma ora stai diventando troppo grande per la buca che tua madre ha scavato vicino alle patate. Così un giorno lei ti dice che dovete fare un viaggio. Ti accarezza i capelli, ti fa promettere che diventerai un uomo per bene e poi ti lascia. Solo. Da questo ha inizio la storia di
Enaiat Akbar e il viaggio che lo porterà attraverso quattro paesi, cercando un posto dove fermarsi e vivere come un bambino. Nel mare ci sono i coccodrilli è una performance per voci, corpi e tessuti aerei. Una storia dove la violenza sgorga piano dalle parole, senza retorica, senza pietismo, senza ipocrisia, nella lucida leggerezza di un bambino di otto anni che attraversa l’inferno.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia