Cronaca
160mila euro di sanzioni

Vivevano e lavoravano in un capannone: scoperti 8 lavoratori senza contratto e tutele

Cinque di loro non avevano neppure il permesso di soggiorno: denunciati i due titolari dell'azienda.

Vivevano e lavoravano in un capannone: scoperti 8 lavoratori senza contratto e tutele
Cronaca Mantova, 01 Dicembre 2021 ore 14:21

I Carabinieri di Canneto sull'Oglio hanno sequestrato un laboratorio tessile elevando sanzioni per 160mila euro: due persone denunciate.

(In copertina immagine di repertorio)

Denunciati due imprenditori di origine cinese

Proseguono senza sosta i servizi di controllo del territorio posti in essere dai Carabinieri della Compagnia di Viadana finalizzati alla prevenzione ed alla repressione di ogni forma di illegalità.
Nella giornata di ieri, 30 novembre 2021, i militari della Stazione di Canneto sull’Oglio e Castellucchio, unitamente ai Carabinieri del Nucleo Ispettorato del lavoro di Mantova, su indirizzo costante del Comando Provinciale Carabinieri del capoluogo virgiliano, hanno proceduto alla denuncia alla competente Autorità Giudiziaria di due imprenditori di origine cinese in quanto ritenuti responsabili di aver impiegato manodopera lavorativa “in nero” e priva di permesso di soggiorno.

I controlli in un'azienda tessile: su 12 dipendenti 8 erano irregolari

Nello specifico, dopo alcuni servizi di osservazione, i Carabinieri di Canneto, unitamente alle altre componenti dell’Arma, nella mattinata di ieri hanno deciso di intervenire nella zona artigianale del comune di Canneto procedendo ad un controllo di polizia di un’azienda tessile gestita dai due amministratori di origine asiatica, rispettivamente di 54 e 38 anni. Gli accertamenti hanno permesso di appurare che nell’azienda, situata in un capannone, complessivamente erano impiegati 12 lavoratori, tutti connazionali dei loro datori di lavoro, di cui 8 risultavano privi di qualsivoglia forma di contratto di assunzione ed inoltre vi erano 5 dipendenti privi di permesso di soggiorno e quindi irregolari sul territorio nazionale. I lavoratori alloggiavano in piccole stanze appositamente costruite all’interno dello stesso capannone, ai limiti delle normali condizioni d’igiene e con impianti elettrici non a norma. Si constatava inoltre la completa violazione della normativa relativa alla sicurezza sui luoghi di lavoro.

Illecita occupazione di lavoratori

In sintesi il quadro investigativo ricostruito ha evidenziato una grave situazione di illecita occupazione di lavoratori, motivo che ha portato alla sospensione dell’attività produttiva, al sequestro dell’intera area adibita a laboratorio tessile, in aggiunta a sanzioni per 160.000 euro.
Il buon esito della presente operazione di polizia, grazie al costante coordinamento del Comando Provinciale Carabinieri di Mantova è frutto della sinergia tra i militari delle Stazioni presenti sul territorio, avamposto di legalità in tutti i centri della provincia e i menzionati reparti speciali dell’Arma, che nell’ambito delle loro specificità, in ogni momento, mettono a disposizione la propria professionalità.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter