Violenta donna di 70 anni e si nasconde nel Mantovano

Le forze dell'ordine l'hanno intercettato a Quistello.

Violenta donna di 70 anni e si nasconde nel Mantovano
Sotto il Po, 01 Ottobre 2018 ore 10:07

Violenta donna di 70 anni a Milano, trova rifugio a Quistello.

Violenta donna di 70 anni

Un romeno 42enne ha violentato e rapinato una donna di 70 anni a Milano, successivamente ha fatto perdere le sue tracce. L’aggressione si è consumata il 21 settembre in zona Comasina, l’uomo è entrato nell’abitazione dell’anziana e ha preteso gli venissero consegnati dei preziosi, abusando anche di lei.

Precedenti

Il romeno, però, aveva già dei precedenti. Infatti nel 2009, a Genova, aveva commesso un simile reato nei confronti di una 30enne; motivo per il quale era stato arrestato e aveva scontato 10 anni di reclusione in un carcere italiano e poi in Romania. A fronte di ciò il 42enne era già noto alle forze dell’ordine, che lo consideravano un sorvegliato speciale.

Rifugiato a Quistello

Grazie al cellulare che lo stupratore aveva rubato alla vittima è stato possibile monitorare i suoi movimenti. L’uomo si è prima fermato nel Milanese per poi rifugiarsi nel Mantovano, precisamente a Quistello, dove alcuni conoscenti che sarebbero però estranei alla vicenda l’hanno ospitato. L’arresto è avvenuto sabato pomeriggio grazie a un lavoro di squadra degli agenti del Milanese e del Mantovano. Il confronto con le tracce biologiche rinvenute nell’appartamento della 70enne abusata ha fornito delle prove schiaccianti.

Salvini e De Corato

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini è intervenuto sulla vicenda commentando sui suoi social: “Castrazione chimica per lo schifoso che ha rapinato e stuprato una donna di 70 anni a Milano”. Anche l’assessore alla Sicurezza della Lombardia Riccardo De Corato ha acommentato: “Questo criminale viveva alle spalle del sistema di accoglienza”.

LEGGI ANCHE: Molestate sul treno: studentesse salvate da giovane rom

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia