Truffe agli anziani: come difendersi e prevenirle

Un ciclo di incontri, in collaborazione con Diocesi, Auser e Club 3ª età, organizzati dalla Questura di Mantova.

Truffe agli anziani: come difendersi e prevenirle
Mantova, 07 Novembre 2018 ore 13:29

Truffe agli anziani: un ciclo di incontri per informare sui metodi più utilizzati e fornire strumenti di difesa.

Truffe agli anziani: incontri organizzati dalla Questura

Sono in corso – e proseguiranno anche nei prossimi mesi- gli incontri organizzati dalla Questura di Mantova, in collaborazione con Diocesi, Auser, Club 3^ età, rivolti prevalentemente a persone della “terza età”, con la finalità di informare i partecipanti sui più utilizzati ed attuali metodi di realizzazione delle truffe e, contestualmente, di fornire loro utili strumenti di difesa.

Tale attività di promozione è stata fortemente voluta dal Prefetto Lombardi e dal Questore Sartori, in conseguenza del danno sociale e del giustificato allarme causato dal diffondersi di questa pratica criminale che vede coinvolte, come vittime inconsapevoli, le persone anziane influenzabili perché più deboli, più sensibili o forse solo più disposte al dialogo.

Evitare i raggiri

Durante gli incontri verrà illustrato il fenomeno nel suo complesso, anche a fronte del costante innalzamento dell’aspettativa di vita e conseguente aumento del numero della popolazione “over 70” obiettivo privilegiato di truffatori senza scrupoli. Saranno forniti interessanti spunti di conoscenza per evitare il raggiro.

Tale attività consentirà di diffondere e ricordare i consigli e le buone prassi di difesa che comunque non possono prescindere dall’interessare le Forze dell’Ordine: nell’immediato, attraverso la chiamata ai numeri per l’emergenza; subito dopo, con la denuncia.

Le “tecniche” più utilizzate

Può essere utile richiamare i “trucchi” più comuni utilizzati dai malfattori che agiscono, è bene ricordarlo, sia introducendosi nell’abitazione della vittima, sia avvicinandola per la strada o utilizzando il telefono, spacciandosi per “conoscenti”, per falsi operatori dell’ENEL, TEA, Comune, o appartenenti alle Forze dell’Ordine ovvero “avvocati”, allo scopo di farsi consegnare del denaro a titolo di oblazione di fantomatiche “multe” ecc

Principali “regole” da seguire:

– non far entrare in casa sconosciuti, anche se millantano conoscenze in famiglia, o sono in possesso di tesserini con foto;

– chiedere, quanto meno, l’assistenza di un vicino o di un parente prima di far entrare gli sconosciuti;

– nessuna azienda o ente pubblico invia dipendenti e richiede pagamenti o l’esibizione di denaro contante a domicilio;

– nessun poliziotto o carabiniere chiederà mai la consegna di denaro a titolo di oblazione di fantomatiche “multe” o per far “scarcerare” chicchessia;

– durante il tragitto di andata e ritorno dalla banca o dall’ufficio postale, con i soldi in tasca, non fermatevi con sconosciuti e non fatevi distrarre.

La regola fondamentale rimane quella di rivolgersi sempre alle Forze di Polizia, per segnalare atteggiamenti sospetti, richiedere conferma sull’identità dei predetti e per denunciare situazioni di pericolo.

I prossimi incontri

Ecco le date dei prossimi incontri:

– mercoledi 7 novembre ore 15,30: Club terza Età (Via Indipendenza MN)

– mercoledi 14 novembre ore 9,30: Coldiretti – Goito

– giovedi 15 novembre ore 16,00 Auser (Via Facciotto MN)

– mercoledi 21 novembre ore 9,30: Coldiretti – Mantova

 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia