Truffa online con finti Buoni Conad

Il modo migliore per difendersi, è quello di non rispondere mai a questi messaggi.

Truffa online con finti Buoni Conad
10 Gennaio 2019 ore 18:27

Truffe online con finti “Buoni Conad”. Messaggi a gogo con l’utilizzo abusivo del noto marchio. Lo “Sportello dei Diritti”: non rispondete a fantomatiche proposte di regali e cestinate questi messaggi. L’allerta è apparsa anche sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line” della Polizia Postale.

Truffa online con finti Buoni Conad

Una delle più frequenti frodi online, è quella che viene attuata tramite l’utilizzo abusivo di noti marchi e con la promessa di falsi buoni spesa o sconto. In tal senso, sono quotidiane le segnalazioni dello “Sportello dei Diritti”, a prestare attenzione ad ogni messaggio che giunge sui nostri dispositivi perché la truffa è sempre dietro l’angolo.

Nel mirino di hacker e truffatori segnaliamo che questa volta è finita l’azienda della grande distribuzione alimentare “Conad” che, ovviamente, del tutto ignara della vicenda, starebbe distribuendo, attraverso messaggini e per il tramite delle nostre messaggerie istantanee, buoni sconto.

L’allerta della Polizia Postale

La truffa è segnalata anche dalla Polizia Postale attraverso un post pubblicato sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia”:

“In queste ore sta circolando in rete, via e-mail ed in particolare, all’interno di applicazioni di messaggistica istantanea, un falso messaggio con il quale la #CONAD comunica la distribuzione di buoni sconto nei punti vendita o altri vantaggi economici, a coloro che attraverso un link trasmetteranno i propri dati personali. #ATTENZIONE: Si tratta di messaggi ingannevoli; si raccomanda pertanto di non seguire alcun link. CONSIGLI: tenere sempre aggiornato il proprio sistema operativo e il software antivirus. Per ulteriori approfondimenti potrà essere consultato il link: https://www.commissariatodips. it/notizie/articolo/ attenzione-falsi-messaggi- conad.html ”.

 

Come comportarsi

Ancora una volta, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il modo migliore per difendersi, è quello di non rispondere mai a questi messaggi dal contenuto truffaldino e quindi di non cliccare sui link cui solitamente conducono o rispondere alle richieste di dati personali o bancari. Basta quindi cestinarli, cancellandoli dal proprio dispositivo e non contribuire a diffonderli, evitando di inoltrarli ai nostri contatti. Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi all’associazione tramite i contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia