Terrorismo: viveva a Mantova il foreign fighter arrestato in Siria

Nato vicino a Brescia, abitava a Mantova prima di combattere con Al Quaeda e Isis.

Terrorismo: viveva a Mantova il foreign fighter arrestato in Siria
Cronaca Mantova, 28 Giugno 2019 ore 14:27

Un foreign fighter italo-marocchino, Samir Bougana, classe 1994, è stato arrestato in Siria dalla Polizia di Stato nell’ambito di un’indagine iniziata nel 2015 dalla Digos di Mantova con i colleghi di Brescia e la Procura della Repubblica di Brescia.

L’ordinanza di custodia cautelare in carcere

Nei confronti del Foreign fighter, che ha combattuto prima con le milizie di Al Qaeda e successivamente con l’Isis, pendeva infatti un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione a delinquere con finalità terroristiche.

Bougana, nato in provincia di Brescia, nel 2013 si era unito in Siria prima alle milizie qaediste e poi a quelle dello Stato Islamico partendo dalla Germania, dove si era trasferito tempo addietro e dove aveva cominciato a frequentare ambienti islamisti che avevano contribuito a radicalizzarlo.

Terrorismo: viveva a Mantova il foreign fighter arrestato in Siria

Il terrorista che era residente a Canneto Sull’Oglio

Nato in provincia di Brescia, il terrorista nel 2013 Bougana è stato residente a Mantova, precisamente a Canneto Sull’Oglio. Trasferitosi successivamente in Germania, nella cittadina di Bielfield, dopo alcuni mesi, si era recato in Siria per militare al servizio delle organizzazioni terroristiche e dello Stato Islamico- Daesh.

L’attività della Digos mantovana

L’attività di “intelligence” della Digos mantovana, partendo da un’utenza telefonica tedesca
– risultata poi intestata alla moglie di Samir – ha consentito di esaminare tutti i contatti telefonici
intercorsi tra quest’ultima ed i parenti del Foreign fighter rimasti in Italia, raccogliendo importantissimi
elementi circa la sua effettiva attività di combattente dell’Isis.

Questi elementi, unitamente ad informazioni assunte in ambito internazionale, hanno consentito l’emissione dell’Ordinanza di custodia cautelare in carcere e del susseguente mandato di cattura internazionale, eseguito nei giorni scorsi.

Il Foreign fighter è stato arrestato nel 2018

Nell’agosto del 2018 l’uomo era già stato arrestato in Siria dalle Forze di liberazione curde,
le quali lo hanno, qualche giorno fa, consegnato alla Polizia italiana, che lo ha estradato nel nostro Paese.
Le indagini tuttora in corso sono finalizzate ad acquisire elementi di conoscenza riguardo ad
eventuali appoggi e connivenze goduti dal Bougana da parte di elementi residenti nella nostra
Provincia.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità