Cronaca
Mantova

Stalking, atti persecutori all'ex e danneggiamenti all'ex: nei guai un uomo

L'ammonimento non sortisce effetti: dopo gli accertamenti scatta il divieto di avvicinamento.

Stalking, atti persecutori all'ex e danneggiamenti all'ex: nei guai un uomo
Cronaca Mantova, 19 Ottobre 2022 ore 10:53

Negli scorsi giorni la Squadra Mobile della Polizia di Stato di Mantova ha eseguito una misura cautelare di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa disposta, su richiesta della locale Procura della Repubblica, dal Giudice per le Indagini Preliminari nei confronti di un soggetto gravemente indiziato in ordine al reato di atti persecutori aggravati, ovvero stalking.

L'ammonimento sortisce pochi effetti

L’indagato, sin dalla fine della sua relazione con la persona offesa, risalente a qualche mese fa, è accusato di aver messo in atto tutta una serie di comportamenti fortemente persecutori, quali inviare lettere denigratorie a conoscenti della vittima o l’utilizzo indebito dell’auto di proprietà di quest’ultima.
Per questi fatti, infatti, il Questore di Mantova aveva già formalmente notificato all’indagato un ammonimento.

Danneggiamenti, atti persecutori, denigrazioni

Nonostante la misura di pubblica sicurezza, tuttavia, l’indagato, secondo l’ipotesi accusatoria, ha perseverato con le proprie condotte persecutorie: avrebbe posto in essere danneggiamenti su beni di proprietà dei familiari e conoscenti della vittima; sarebbe transitato più volte senza motivo anche a tarda notte nei pressi dell’abitazione della persona offesa; avrebbe seguitato a denigrare la propria ex compagna con vari conoscenti di quest’ultima; avrebbe danneggiato l’autovettura della vittima plurime volte, anche utilizzando della sostanza acida, strumenti a punta acuminata o pietre.

Scatta il divieto di avvicinamento

Per tutti questi fatti, ricostruiti dalle investigazioni della Squadra Mobile, la Procura della Repubblica di Mantova, ha ritenuto richiedere al gip una idonea misura cautelare, disposta con apposita ordinanza: nei suoi confronti quindi è stato emesso il divieto di avvicinamento a meno di 500 metri dai luoghi frequentati dalla persona offesa. I caso di infrazione l’indagato rischia una ulteriore denuncia penale e l’arresto obbligatorio in flagranza di reato.

Seguici sui nostri canali