Sparatoria a Casaloldo, colpito un 73enne: aggressore infastidito dai rumori

La vittima non sarebbe in pericolo di vita. 

Sparatoria a Casaloldo, colpito un 73enne: aggressore infastidito dai rumori
Alto Mantovano, 23 Gennaio 2020 ore 10:01

La vittima non sarebbe in pericolo di vita.

Sparatoria a Casaloldo, ferito un 73enne

L’allerta è arrivata pochi minuti prima delle 19 di ieri sera, 22 gennaio 2020: “C’è stata una sparatoria, un uomo è ferito”. Così i sanitari sono accorsi sul posto, vicino al supermercato “Supermercati Peroni Casaloldo” in via della Giustizia 55 a Casaloldo, e hanno trovato un uomo di 73 anni gravemente ferito alla coscia.

Il 73enne dopo essere stato stabilizzato è stato soccorso e trasportato in pronto soccorso, dove vi è entrato in codice giallo alle 20.11. Naturalmente anche le forze dell’ordine sono state allertate del fatto e i Carabinieri di Castiglione delle Stiviere sono intervenuti sul posto per effettuare i necessari rilievi e dare il via alle indagini.

La vittima

Il 73enne colpito  è Ottavio Telaroli, di Castel Goffredo: secondo una prima ricostruzione dei Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, la sparatoria sarebbe nata al culmine di incomprensioni lavorative, con pregressi diverbi e probabili minacce, sfociate poi nell’aggressione di ieri sera. A sparare sarebbe stato Massimo Volpi, un operaio di 54 anni di Asola, infastidito dai rumori provocati dalla macchina trita cartone azionata da Telaroli.

Arrestato l’aggressore

Volpi è stato immediatamente arrestato e, dopo essere stato ascoltato dai militari della caserma di  Castel Goffredo, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, accusato di lesioni personali aggravate e detenzione abusiva di arma.
L’arma, una carabina ad aria compressa, infatti sarebbe stata acquistata su internet da un sito straniero, e non sarebbe dichiarata.  Secondo quanto scoperto, peraltro, non sarebbe stata neppure la prima volta che Volpi imbracciava la carabina: tempo fa aveva già sparato al camion che trasporta i cartoni da tritare guidato da Telaroli, infastidito dal rumore emesso dalla macchina azionata dalla vittima.

Essendo in possesso dell’arma, non è escluso che il gesto fosse premeditato, seppur non è certo che il destinatario del piombino dovesse essere proprio l’anziano, e non – ancora – il furgone da lui guidato.

La vittima non è in pericolo di vita

Dopo essere stato trasportato all’ospedale di Mantova, Telaroli è stato soccorso: la ferita alla coscia sarebbe profonda, ma non avrebbe colpito punti nevralgici. L’uomo infatti, ricoverato fino a questa notte, attualmente non sarebbe in pericolo di vita.

RITROVA GIORNALEDIMANTOVA.IT ANCHE SUL DESKTOP DEL CELLULARE!

Leggi anche: Come aggiungere il nostro sito alla schermata home del tuo smartphone

 

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE

 

 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve