Materiale sequestrato

Spacciatore “itinerante” e pluripregiudicato arrestato a Mantova

E' finito in manette per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Spacciatore “itinerante” e pluripregiudicato arrestato a Mantova
Cronaca Mantova, 06 Febbraio 2021 ore 11:20

Nella giornata di ieri, 5 febbraio 2021, all’alba, gli Agenti della Squadra Mobile della Questura di Mantova hanno concluso una operazione di Polizia finalizzata alla prevenzione e alla repressione del traffico di droga, che ha consentito di individuare una base utilizzata da spacciatori per confezionare e vendere sulla “piazza” cittadina sostanze stupefacenti.

L’attività investigativa

Analizzando una variegata rete di informazioni, acquisite dagli investigatori della Polizia perlopiù in forma confidenziale, gli uomini della Squadra Mobile sono stati in grado di individuare quale punto di riferimento dello smercio delle sostanze stupefacenti un appartamento situato in un residence del Quartiere Lunetta.

A seguito di quanto rilevato nel corso di vari servizi di vigilanza ed appostamento nei pressi della zona segnalata, la complessa e delicata indagine della Polizia è stata in grado di acquisire elementi probatori tali da comprovare il costante viavai di individui, ben conosciuti dagli investigatori come consumatori abituali di sostanze stupefacenti, soliti recarsi presso il domicilio di O.J. 26enne di origini tunisine, irregolare sul territorio nazionale e da poco tempo abitante nella nostra città, essendo egli uno spacciatore itinerante, di fatto senza fissa dimora, pluripregiudicato per il reato di possesso ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, atti persecutori, rapina a mano armata, nonché denunciato per aver aggredito una donna con un coltello – da dove, dopo avervi fatto ingresso con fare circospetto, dopo alcuni minuti ne uscivano per poi allontanarsi velocemente.

Entrati in azione

Ottenute le necessarie conferme investigative, ieri all’alba gli Agenti della Squadra Mobile hanno deciso quindi di entrare in azione: dopo aver bloccato ingressi ed uscite dell’edificio ed aver immobilizzato lo spacciatore, rendendolo edotto di quanto stava avvenendo, hanno dato inizio ad una minuziosa perquisizione domiciliare e personale all’interno dell’abitazione.

Nella perquisizione trovati droga e materiale per lo spaccio

Gli Agenti della Mobile, nel corso dell’operazione di Polizia, sono riusciti a rinvenire sul tavolino del soggiorno, alcuni talloncini circolari di cellophane – notoriamente utilizzati per confezionare le dosi di stupefacente per lo spaccio – un bilancino digitale, una confezione di sostanza solitamente usata per il taglio della droga, un taglierino ed una roncola entrambi con evidenti tracce di stupefacente
sulle lame.

Nel prosieguo della perquisizione, nascosti nel divano ove dormiva O.J., veniva rinvenuto, inoltre, denaro in contante per un totale di circa 3.500 euro, nonché numerose confezioni di sostanza stupefacente pronte per lo spaccio, che, dall’esito del “narcotest” effettuato immediatamente durante le operazioni di Polizia, risultava essere cocaina per un totale di circa 15 grammi e hashish per un peso di circa 35 grammi, nonché svariati telefoni cellulari utilizzati per comunicare in sicurezza con fornitori e clienti, oltre ad altro materiale per il confezionamento delle dosi da smerciare.

Trovata anche una pistola ad aria compressa

Gli investigatori dell’antidroga, quindi, hanno proseguito la perquisizione nella camera da letto dove hanno ritrovato una pistola ad aria compressa e, successivamente, dopo un’attenta verifica ed ispezione della cantina in uso all’arrestato venivano altresì rinvenuti 2 involucri vuoti che, prima dello smercio, avrebbero contenuto 500 gr. di hashish ciascuno.

Al termine delle Operazioni di Polizia O.J. è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, accompagnato presso gli Uffici di Piazza Sordello per il fotosegnalamento e le necessarie attività di Polizia Giudiziaria e, infine, trasferito presso la Casa Circondariale di Mantova a disposizione della Procura della Repubblica.

Tutto il materiale è stato sequestrato

La droga, i bilancini di precisione, il denaro contante e gli smartphone sono stati sequestrati; il Questore della Provincia di Mantova Paolo SARTORI ha altresì dato disposizioni all’Ufficio Immigrazione della Questura di avviare in via di urgenza il Procedimento amministrativo finalizzato alla immediata Espulsione di costui dal Territorio Nazionale, non appena terminato l’iter giudiziario.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli