MANTOVA

Sgonfia gli pneumatici dell'auto della moglie poi l'aggredisce, la figlia minore chiama la Polizia

Il marito 48enne, autore di ripetute molestie e minacce, è stato arrestato in flagranza "differita"

Sgonfia gli pneumatici dell'auto della moglie poi l'aggredisce, la figlia minore chiama la Polizia
Pubblicato:
Aggiornato:

Un uomo di 48 anni arrestato in flagranza "differente" per continue molestie e minacce nei confronti della moglie dopo la separazione.

Arrestato 48enne

Gli agenti della Squadra Volante della Questura di Mantova hanno arrestato un uomo di 48 anni accusato di atti persecutori ai danni della moglie dopo la loro separazione.

La chiamata al 112 è stata fatta dalla figlia minore della coppia che, spaventata dalle urla dei genitori per strada, ha richiesto l'intervento della polizia.

Molestie e minacce dopo la separazione

Quando gli agenti sono arrivati sul posto, hanno trovato solo la madre della ragazza, che ha raccontato di continui episodi di molestie e minacce subite dall'ex marito dopo la separazione. La donna ha mostrato agli agenti dei video registrati con il cellulare, nei quali l'uomo è stato ripreso mentre sgonfiava gli pneumatici dell'auto della donna e cercava di aggredirla per strapparle il telefono.

Flagranza "differita"

Gli agenti hanno immediatamente avviato la ricerca dell'uomo, che è stato rintracciato pochi metri più avanti, in uno stato evidente di alterazione dovuto all'assunzione di sostanze alcoliche. L'uomo è stato quindi arrestato in flagranza "differita" per atti persecutori.

Questa nuova procedura, introdotta dalle nuove disposizioni per contrastare la violenza sulle donne e domestica, consente di effettuare l'arresto entro un massimo di 48 ore dal momento del fatto, per alcuni reati specifici come i maltrattamenti in famiglia, la violazione del divieto di avvicinamento alla vittima e, appunto, gli atti persecutori, a condizione che vi sia documentazione video fotografica legittimamente ottenuta che mostri inequivocabilmente la responsabilità del soggetto.

L'arrestato è stato portato presso la Casa Circondariale locale in attesa della convalida dell'arresto.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali