Cronaca

Sfruttamento e lavoro nero: 4 titolari d'azienda in manette e 2 laboratori sotto sequestro

Il blitz dei Carabinieri è scattato contemporaneamente in due distinti laboratori tessili di Marmirolo.

Sfruttamento e lavoro nero: 4 titolari d'azienda in manette e 2 laboratori sotto sequestro
Cronaca Mantova, 11 Ottobre 2019 ore 12:15

Ennesimo sfruttamento della manodopera: i Carabinieri eseguono 4 arresti.

Ancora caporalato nel Mantovano

Ancora arresti e denunce compiuti dalle forze dell'ordine contro la piaga dello sfruttamento di clandestini e del lavoro nero.
Nonostante i controlli siano oramai divenuti quasi quotidiani, ancora si registrano abusi e irregolarità. Nel primo pomeriggio di ieri, 10 ottobre 2019, l'ennesimo caso. Il blitz dei Carabinieri è scattato contemporaneamente in due distinti laboratori tessili, a Marmirolo.

L'operazione congiunta a Marmirolo

I militari della Stazione di Marmirolo, insieme ai colleghi delle Stazioni di Goffredo e di Goito, in collaborazione con il Nucleo dei Carabinieri dell'ispettorato del lavoro, gli ispettori degli uffici Inail e Inps e la Polizia Locale di Marmirolo, ambito Task Force coordinata dalla Compagnia Carabinieri di Castiglione delle Stiviere, hanno fatto irruzione in due laboratori tessili, entrambi a Marmirolo, dove hanno trovato al lavoro, complessivamente, 13 operai, tutti di nazionalità cinese.
Al controllo dei documenti, è risultato che 3 di questi erano irregolari e quindi, nessun permesso di soggiorno e naturalmente nessun contratto di lavoro, fattore che equivale a paga misera e condizioni di sfruttamento, oltre a regole inflessibili del datore di lavoro che impongono agli operai il divieto di allontanarsi dal laboratorio per non rischiare di essere scoperti e conseguentemente espulsi.

Blitz in due laboratori

Nel primo laboratorio, gestito da X.B., 33enne, e dal socio Z.Y. 46enne, entrambi cinesi, i militari hanno trovato 7 operai al lavoro, di cui uno clandestino e quindi senza contratto di lavoro. Anche nel secondo laboratorio, gestito X.G., 49enne e dal socio W.M. 57enne, entrambi cinesi, i militari hanno trovato altri n. 6 operai a lavoro, di cui 2 clandestini.

Arrestati i titolari delle attività

Al termine della verifica, i carabinieri hanno pertanto proceduto all’arresto in flagranza di reato di quattro cinesi, rispettivamente titolari e socio di entrambi i laboratori, ritenuti responsabili, in concorso, di favoreggiamento e sfruttamento della manodopera clandestina, caporalato e lavoro nero.
Entrambi i laboratori, compresi i macchinari e i capi di vestiario, per un valore complessivo di circa 250mila euro, sono stati sottoposti a sequestro. Conseguiranno inoltre le sanzioni amministrative per le violazioni accertate, non ancora quantificate.
Per i quattro arrestati la Procura della Repubblica di Mantova ha disposto la custodia domiciliare in attesa del rito direttissimo che si terra questa mattina innanzi al Tribunale di Mantova.

LEGGI ANCHE:Caporalato nelle campagne mantovane: un altro arresto

Caporalato nel mantovano: operai senza contratto e sottopagati

Caporalato e sfruttamento del lavoro: due italiani in manette

TORNA ALLA HOME

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter