Proseguono i controlli straordinari del territorio: un arresto e un’espulsione

Un extracomunitario arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e una prostituta nigeriana clandestina espulsa.

Proseguono i controlli straordinari del territorio: un arresto e un’espulsione
Cronaca Mantova, 12 Gennaio 2019 ore 09:04

Controlli straordinari del territorio disposti dal Questore di Mantova nelle aree e rischio della città: arrestato un cittadino extracomunitario ed espulsa una prostituta nigeriana clandestina.

Controlli straordinari del territorio

Dal pomeriggio di martedì 8 gennaio 2019 sono in atto operazioni di controllo straordinario del territorio, disposte dal Questore di Mantova al fine di prevenire i reati contro il patrimonio, lo spaccio di sostanze stupefacenti e l’esercizio della prostituzione.

Queste operazioni – che hanno visto l’impiego giornaliero di oltre 30 uomini appartenenti alla Polizia di Stato, alla Guardia di Finanza ed alla Polizia Locale di Mantova - si sono concentrate prevalentemente in piazza Cavallotti, Giardini Lungorio e nella zona di Largo Porta Pradella/Parcheggio Nuvolari, quest’ultima particolarmente “attenzionata” dopo che, alcuni giorni fa, ignoti si sono introdotti abusivamente all’interno del Centro Congressi MAMU, causando un principio di incendio, il che ha reso quell’area - già da tempo monitorata dalla Forze di Polizia - ancora più sensibile dal punto di vista della “percezione di sicurezza” dei cittadini.

Incremento degli interventi

Su questo argomento è stato organizzato in Questura un incontro con la Camera di Commercio, durante il quale sono stati definiti un incremento degli interventi delle Forze dell’Ordine nella zona del MAMU e del parcheggio Nuvolari, nonché l’apposizione di sistemi di difesa passiva da parte della Camera di Commercio per impedire l’ingresso negli immobili di sua proprietà, evitando in tal modo che vengano utilizzati per attività illecite.

Un arresto

Proprio tale incremento dei controlli disposto dal Questore ha consentito, nella mattinata di venerdì 11 gennaio 2019, ha permesso di arrestare un cittadino nigeriano che, davanti al Centro Congressi MAMU, alla richiesta degli operatori di Polizia di fornire i propri documenti, prima si è dato alla fuga e, una volta bloccato, ha opposto resistenza, tentando di liberarsi di un guanto, subito recuperato dagli Agenti. All’interno del guanto sono stati rinvenuti circa 14 grammi di marijuana, suddivisa in 8 dosi. A questo punto, O.J., classe 1982, cittadino nigeriano con precedenti specifici per cessione di sostanze stupefacenti, è stato arrestato, e la droga sequestrata, così come una somma di denaro pari a 110 euro, trovata sulla sua persona, in quanto presumibile provento di attività di spaccio.

Espulsa nigeriana

Capillari controlli si sono svolti anche nei quartieri di Lunetta, Borgochiesanuova e Ponte Rosso, dove in passato si sono evidenziate situazioni di occupazioni abusive di immobili dismessi.

Mirata attività di pattugliamento è stata effettuata nelle zone dove si registra la presenza di soggetti dediti alla prostituzione, in particolare il quartiere di Cittadella, Via Poggio Reale e Via Verona. In quest’ultima via, nei pressi di un’area di servizio carburanti, gli operatori di Polizia – nella notte tra giovedì 10 e venerdì 11 gennaio – hanno notato una cittadina di colore, abbigliata in maniera inequivocabile, che alla vista degli Agenti ha tentato di nascondersi dietro un’autovettura parcheggiata: invano, poiché i Poliziotti l’hanno immediatamente bloccata accompagnata in Questura per i successivi accertamenti.

La donna, sprovvista di documenti, è stata identificata tramite i rilievi dattiloscopici come D.D., cittadina nigeriana classe 1976, con precedenti per immigrazione clandestina e falsa attestazione a un pubblico ufficiale sull’identità personale. In quanto priva di un valido titolo per soggiornare nel nostro Paese, D.D. è stata munita di Decreto di espulsione del Prefetto di Mantova e contestuale Decreto di trattenimento presso un Centro Permanenza Rimpatri emesso dal Questore di Mantova. Pertanto personale dell’Ufficio Immigrazione ha proceduto al suo accompagnamento al C.P.R. di Roma, dove rimarrà fino all’esecuzione del provvedimento di espulsione.

Gli altri controlli

Servizi ad hoc sono stati poi effettuati presso Sale giochi e V.L.T., al fine di prevenire e reprimere il fenomeno del gioco illegale e di garantire la sicurezza del gioco e la tutela dei minori; anche i bar ed i locali pubblici oggetto di segnalazioni e lamentele da parte di cittadini per problematiche di ordine e sicurezza pubblica sono stati nuovamente controllati, con identificazione delle persone presenti.

Gli articolati controlli hanno consentito di identificare 311 persone, di cui 36 con precedenti penali e di Polizia, e di controllare 15 esercizi pubblici. Sono state inoltre elevate 8 contravvenzioni ai sensi del Codice della Strada.

A seguito dei predetti controlli, il Questore di Mantova ha emesso 3 Fogli di Via Obbligatori a carico di altrettante persone gravate da precedenti penali e di polizia, rintracciati dagli operatori di Polizia mentre bivaccavano ai Giardini Viola, nonché 2 Avvisi Orali nei confronti di pregiudicati sorpresi in atteggiamenti e luoghi sospetti.

Per 4 cittadini extracomunitari è invece scattata la revoca del permesso di soggiorno, per mancanza dei requisiti di legge (quale l’esistenza di precedenti penali e di Polizia).

LEGGI ANCHE: Bandiera nazista troneggia sulla torre di Cavriana

TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE