BUONE NOTIZIE

Plasma dei guariti per curare i malati: a Mantova già 40 donatori e 25 pazienti trattati

Tra i donatori anche un vice brigadiere della caserma di Mantova.

Plasma dei guariti per curare i malati: a Mantova già 40 donatori e 25 pazienti trattati
Mantova, 15 Aprile 2020 ore 14:12

40 donatori di plasma e 25 pazienti trattati, dona anche un vice brigadiere dell’Arma: “Sono contento di potere aiutare altri malati”.

Dal 23 marzo 43 infusioni dell’emocomponente

Stavolta il plasma iperimmune arriva da un carabiniere. Angelo Fanizza, 45 anni, vice brigadiere della caserma di Mantova. Il militare ha raggiunto questa mattina il reparto di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale del Carlo Poma accompagnato dal comandante maresciallo maggiore Enrico Ponzi. Dopo avere sconfitto il Covid è fra i 17.200 avisini raggiunti dalla richiesta della presidente Elisa Turrin di aderire al progetto proposto dal primario del Trasfusionale Massimo Franchini. Ha sconfitto il Covid ed è fra i 40 donatori fino ad ora reclutati da ASST.

Come funziona la donazione di plasma

“Eseguiamo circa 10 test al giorno per verificare la loro idoneità – precisa Massimo Franchini – e i risultati sono incoraggianti. Angelo donerà oggi 600 ml di plasma, dal quale saranno ricavate due dosi. Voglio ringraziare, oltre ai donatori, tutti gli operatori dell’azienda che ci consentono di portare avanti questo protocollo. Una gara di solidarietà che commuove ”.

Il plasma ricco di anticorpi viene poi trasfuso nei pazienti, selezionati in base a criteri stabiliti dagli specialisti. Come spiega il direttore della Pneumologia Giuseppe De Donno: “Dal 23 marzo abbiamo effettuato 43 infusioni, che ci hanno permesso di trattare 25 pazienti. Una terapia che dà ottimi risultati nell’80 per cento dei casi”.
La procedura prevede la virus inattivazione dell’emocomponente, tramite apparecchiature e dispositivi donati ad ASST dalla ditta Kedrion. Una metodica particolare che rende massima la sicurezza del prodotto. Attualmente il plasma viene utilizzato solo dal Poma e dal Policlinico San Matteo di Pavia, centro capofila. Franchini lancia un appello ai colleghi: “Il limite principale è individuare i donatori guariti e arruolabili. La seconda difficoltà è la complessità del progetto. Ma chiedo ai trasfusionisti di non demoralizzarsi, perché saranno ripagati dai risultati che si ottengono”.

La testimonianza

Angelo Fanizza non smette di essere un uomo dell’Arma nemmeno sulla poltrona del prelievo, anche se è visibilmente emozionato. Dentro la sua divisa racconta il vissuto che lo ha portato fin qui: “Il 19 marzo ho iniziato ad avere febbre alta, tosse e sono rimasto in isolamento domiciliare. Ho avuto paura, sia per me che per i miei familiari. Sono contento di potere aiutare altre persone che come me si sono ammalate”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia