Makale, Sory e Seydou

Parto trigemellare all’ospedale di Mantova, nascono una femminuccia e due maschietti

Stanno tutti bene. La gioia e la sorpresa dei genitori: “Grazie al personale”.

Parto trigemellare all’ospedale di Mantova, nascono una femminuccia e due maschietti
Mantova, 19 Ottobre 2020 ore 14:06

Parto trigemellare all’ospedale di Mantova. Gravidanza spontanea, nascono una femminuccia e due maschietti. I genitori: “Grazie al personale”.

Parto trigemellare all’ospedale di Mantova

Un parto trigemellare al Carlo Poma. La mamma, Makeme Camara, è una 28enne originaria della Guinea e residente a Suzzara con il marito Tafsir Soumah, operaio di 30 anni. La donna è arrivata in ospedale la notte del 21 settembre e il parto ha richiesto l’intervento di tre equipe neonatologiche.

”La gravidanza trigemellare è insorta spontaneamente, caso piuttosto raro – spiega Valeria Fasolato, direttore della Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale di ASST Mantova – medici e infermieri si sono mossi in urgenza, allestendo tutto il necessario per la nascita dei tre neonati prematuri di basso peso in tempi brevissimi. La signora – prosegue – aveva da quattro giorni superato la 29esima settimana di gestazione. La bimba pesava 1.300 grammi, i fratellini l’uno 1.250 e l’altro 1.253. Tutti hanno avuto bisogno di supporto respiratorio per i primi giorni e di nutrizione parenterale totale. Ora stanno crescendo. Respirano da soli e vengono nutriti con gavage, attraverso il latte della madre”.

Makale, Sory e Seydou

La femminuccia Makale e i maschietti Sory e Seydou si trovano in Terapia Intensiva Neonatale. I genitori li assistono con grande emozione. La madre non sembra troppo preoccupata per la gestione senz’altro complicata dei bimbi. Prevale la gioia per l’evento tanto lieto quanto inatteso: “Ci aiuterà mia suocera per ora, poi faremo come potremo. Non ce l’aspettavamo, però siamo molto contenti”.

A casa c’è poi un fratellino di 4 anni. Anche il marito è molto felice. Confessa che ha sempre desiderato i gemelli: “Era il mio sogno. Durante la gravidanza scherzavo con mia moglie, dicendole che avremmo avuto i gemelli e così è stato”. Alla dottoressa che dopo l’ecografia gli aveva chiesto: “Quanti figli vuoi?”, il giovane padre aveva risposto: “Quanti me ne da Dio”. Il medico allora gli aveva comunicato: “Ne avrai quattro”.

La coppia è grata per le cure premurose ricevute in reparto: “Ringraziamo il personale per la professionalità e l’accoglienza. In Africa le donne muoiono di parto. Qui ce l’abbiamo fatta”.

Covid e scuola, le azioni specifiche messe in campo da ATS Val Padana

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia