MAXI FRODE

Maxi operazione della Finanza, coinvolto anche un monsignore: voleva riciclare denaro VIDEO

Tra gli 85 indagati c'è anche un uomo di chiesa.

Cronaca Alto Mantovano, 19 Febbraio 2020 ore 11:07

Tra i venti arrestati e gli 85 indagati durante la maxi operazione di ieri, che ha visto coinvolti anche dei mantovani, c’è anche un monsignore.

Maxi frode fiscale

La Guardia di Finanza di Brescia, con il coordinamento della locale Procura della Repubblica e con il supporto del Servizio Centrale Investigativo Criminalità Organizzata (SCICO) di Roma, ha individuato, presso uno studio commercialista bresciano, una vera e propria “fabbrica” un “laboratorio” di evasione fiscaleCome riportano i colleghi di PrimaBrescia.it, sono circa un centinaio le persone coinvolte e tra queste c’è anche un uomo appartenente al mondo religioso nel quale si voleva riciclare denaro.

Gli arresti e gli indagati

L’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Brescia ha previsto arresti nei confronti di 22 responsabili (17 in carcere e 5 ai domiciliari, dimoranti prevalentemente nelle province di Brescia, Bergamo, Milano e Roma) di svariati reati, tra cui, in particolare l’associazione per delinquere, aggravata dalla transnazionalità, finalizzata alla frode fiscale e al riciclaggio di denaro. Notificate anche 2 misure interdittive dalla qualità di imprenditore amministratore di società commerciale. Nel citato “laboratorio” bresciano di evasione fiscale, i “colletti bianchi” – supportati da altri sodali, anch’essi prevalentemente dimoranti a Brescia e con precedenti penali specifici nei reati tributari – erano dediti a produrre “pacchetti evasivi”.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità