MAFIA

Maxi blitz antimafia dalla Sicilia alla Lombardia: in arresto 91 esponenti del clan Fontana VIDEO

Gestivano il business del caffè, finiti in manette a Rozzano già un anno fa. Tra gli arresti un concorrente del Grande fratello.

Mantova, 12 Maggio 2020 ore 10:13

Dalle prime luci dell’alba, militari del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza, con il supporto del Comando Provinciale di Palermo e di altri Reparti sul territorio nazionale, stanno dando esecuzione a ordinanze di custodia cautelare e sequestro preventivo, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Palermo, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti 91 soggetti, nonché di un vasto patrimonio immobiliare e mobiliare del valore di circa 15 milioni di euro.

Maxi bitz questa mattina: arresti anche in Lombardia

L’asse della malavita partiva da Palermo e arrivava alle porte di Milano. È scattata all’alba di oggi la maxi operazione della guardia di finanza di Palermo con 91 ordinanze di custodia cautelare in carcere per gli affiliati del clan dei Fontana dell’Acquasanta, legati a doppio filo a Totò Riina e da anni in Lombardia dove si occupavano principalmente di torrefazione e commercio di caffè.

In Lombardia sono stati arrestati i fratelli Gaetano, Giovanni e Angelo Fontana. In manette anche Rita, figlia del boss Stefano, e Angela Teresi, la moglie. Esattamente un anno fa Rita veniva arrestata in un’operazione condotta dai finanzieri del nucleo di polizia economico-finanziario di Palermo, in collaborazione con lo Scico e il coordinamento della Dda di Palermo. La Cafè Moka special e la Masai caffè venivano sequestrate. E ancora: un mese prima, era stata sequestrata alla famiglia Fontana, nello specifico a Gaetano, altro figlio del boss, una gioielleria milanese in via Felice Cavallotti.

Le perquisizioni

Le perquisizioni a casa dei Fontana avevano inoltre consentito di scoprire un tesoro tra soldi e gioielli. Averi e proprietà che non corrispondevano al basso reddito dichiarato. La figlia del boss Rita, un anno fa, dopo l’operazione, si era affrettata a specificare che

“il Tribunale del riesame di Palermo ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare riguardante il provvedimento denominato “coffee break” sia per me che per mio fratello Fontana Giovanni perché siamo totalmente estranei ai fatti che ci accusavano, e non per incompetenza territoriale come qualcuno ha scritto. Sono una persona nuovamente incensurata perché qualunque accusa a mio carico è crollata, richiederò il risarcimento danni allo Stato per ingiusta detenzione”.

Operazioni in diverse regioni

Le operazioni sono in corso in Sicilia, Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Campania.
Impegnati 500 uomini delle Fiamme Gialle, con l’appoggio di un mezzo aereo e di unità cinofile addestrate per la ricerca di armi, stupefacenti e valuta. Nell’indagine compare anche il nome di Daniele Santoianni, ex broker di una società fallita che aveva provato a sfondare come concorrente nella casa del Grande Fratello 10.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia