Licenziamento contestuale per il capotreno che insultò passeggero di colore

Il capotreno aveva apostrofato il viaggiatore con le parole "Negro di m...a".

Licenziamento contestuale per il capotreno che insultò passeggero di colore
05 Settembre 2018 ore 09:30

Licenziamento contestuale: si conclude così la vicenda di Giordano Stagnati, ex capotreno.

Licenziamento contestuale

Il giudice del lavoro di Cremona e Trenord hanno accettato la proposta di Giordano Stagnati, l’ex capotreno licenziato nel settembre del 2017 dopo aver apostrofato un viaggiatore di colore con la frase “negro di m…”. Le scuse pubbliche non servirono a convincere Trenord a non procedere formalmente. Il licenziamento, però, da giusta causa è stato convertito in consensuale. In questo modo Stagnati potrà riutilizzare gli attestati conseguiti durante i mesi di formazione.

I fatti

Stando alla ricostruzione dei fatti Moussa Diatta, senegalese arrestato a settembre dell’anno scorso dai carabinieri di Bagnolo Mella con l’accusa di avere aggredito e derubato il controllore di 25 anni, viaggiava senza biglietto sulla linea Brescia-Cremona. Avrebbe avuto una reazione violenta quando il capotreno gli ha chiesto di mostrare il biglietto. Sarebbe seguita anche una lieve colluttazione, in cui l’ufficiale avrebbe proferito una serie di insulti razzisti.

Lite immortalata

A “incastrare” entrambi è stato il video girato da una passeggera che ha ripreso gli eventi, il sonoro ha confermato gli insulti proferiti.

LEGGI ANCHE: Investe con l’auto il presunto stupratore della moglie

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia