La Cooperativa Fior di Loto compie 30 anni e festeggia al Festivaletteratura 2019

Crescita, Valore e Differenza sono le parole chiave che la contraddistinguono.

La Cooperativa Fior di Loto compie 30 anni e festeggia al Festivaletteratura 2019
Mantova, 28 Agosto 2019 ore 11:38

Trent'anni sul territorio, trent'anni di cooperazione sociale al fianco e al servizio della disabilità, fragilità e infanzia, con un’attenzione particolare alla creazione e sviluppo di innovativi progetti di comunità: la Cooperativa Fior di Loto festeggia quest'anno un traguardo importante, i suoi primi 30 anni di attività.

Parole chiave: crescita, valore e differenza

Crescita, Valore e Differenza sono le parole chiave che la contraddistinguono perché questo traguardo non è un punto di arrivo nella visione dei padri fondatori, ma di partenza verso un futuro che vede la progettazione di nuovi spazi e un aumento nell'offerta e diversificazione di servizi, oltre al consolidamento della presenza sul territorio mantovano.
Un anno importante che si è aperto con un significativo riconoscimento da parte di Fondazione Cariplo, (Progetto “Lunari- Comunità in Movimento”) che permetterà di dar vita ad un sogno per Fior di Loto da qui ai prossimi tre anni: nascerà infatti un nuovo centro socioeducativo e una comunità socio sanitaria con annessi orto sociale e giardino sensoriale (questi ultimi aperti a tutta la comunità). A riguardo è già iniziata la raccolta fondi, possibile sia attraverso libere donazioni, sponsorizzazioni di materiali e forniture funzionali alla creazione dei futuri spazi come ad esempio arredi, attrezzature, illuminazione (tutte le info sul sito dedicato sostienilunari.it ).

Presenti al Festivaletteratura 2019

In occasione del trentennale, la Cooperativa ha deciso inoltre di promuoversi al territorio attraverso tre eventi dell'edizione 2019 del Festivaletteratura che trattano di temi vicini alle proprie missione e visione: un segno tangibile, per dimostrare quanto il lavoro sociale sia direzionato non solo agli ambiti di cura, ma a tutti gli interessi quotidiani della collettività. I tre eventi scelti

  1. “Quello che non sappiamo”, 5 settembre ore 17 – Museo Diocesiano;
  2. “Non hai l'età”, 6 settembre ore 16:30 – Casa del Mantegna;
  3. “Le figure dell'amore”, 7 settembre ore 11 – Museo Diocesano

vedranno la presenza sul posto di operatori a disposizione del pubblico presente per informare e far conoscere attività, servizi e progetti.
Un anno che, infine, vedrà un autunno “caldo” di eventi (di prossima calendarizzazione e comunicazione) aperti a tutti i portatori di interesse: dai ragazzi ai famigliari, dai soci ai dipendenti, dagli enti pubblici alle fondazioni, dalle associazioni alle cooperative sociali. Un coinvolgimento globale e differenziato che, ancora una volta, testimonia il lavoro sociale di rete che è uno dei principi distintivi di Fior di Loto.

TORNA ALLA HOME