covid-19

Indagine di sieroprevalenza per mappare i contagi: ecco il questionario

Partecipare non è obbligatorio ma è un bene per se stessi e per l’intera comunità.

Indagine di sieroprevalenza per mappare i contagi: ecco il questionario
Mantova, 28 Maggio 2020 ore 15:09

E’ partita il 25 l’indagine di sieroprevalenza promossa da Ministero della Salute, Istat e Croce Rossa Italiana per mappare i contagi da Corinavirus.

Indagine di sieroprevalenza

Il disegno del campione effettuato dall’Istat coinvolge 2.015 comuni su tutto il territorio nazionale e 150 mila individui.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, indagine di sieroprevalenza: ecco in quali Comuni Mantovani verrà effettuata

I nominativi sono stati estratti dall’Istat a partire dai propri registri statistici al fine di assicurare la rappresentatività per genere, sei fasce di età e settore di attività lavorativa a livello nazionale e regionale. Le informazioni raccolte riguardano lo stato di salute e le condizioni socio-economiche del soggetto intervistato in relazione all’evolversi dell’emergenza sanitaria in atto.

Clicca qui per leggere il protocollo metodologico dell’indagine

I cittadini selezionati vengono contattati telefonicamente da operatori della CRI, le chiamate provengono dal loro numero che inizia con 06.5510. Viene somministrato loro un breve questionario e viene concordato un appuntamento per i test sierologici, i quali saranno effettuati presso punti di prelievo individuati da Regioni e Province Autonome o presso punti di prelievo della CRI.

LEGGI ANCHE: Indagine sieroprevalenza di Ministero della Salute e Istat: tanti cittadini preferiscono non farla

Ecco il questionario al quale devono rispondere i componenti del campione

Per ottenere risultati più precisi, è fondamentale che le persone, inserite nel campione casuale, diano il loro contributo: partecipare non è obbligatorio ma è un bene per se stessi e per l’intera comunità.

4 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia