mezzo flop in piazza Sordello

In arrivo denunce per gli organizzatori della manifestazione No-Vax non autorizzata

I presenti erano circa 200 a una manifestazione che, ufficialmente almeno, non doveva neppure esserci: per questo gli organizzatori saranno denunciati.

In arrivo denunce per gli organizzatori della manifestazione No-Vax non autorizzata
Cronaca Mantova, 26 Luglio 2021 ore 11:18

A Mantova una manifestazione contro il Green Pass non era in programma: nessuna comunicazione, nessuna autorizzazione dalla Prefettura, nulla. Eppure sabato, come in decine di piazze italiane, qualche manifestante si è trovato in piazza per manifestare contro le nuove misure restrittive che entreranno in campo lunedì 6 agosto, come annunciato da Draghi giovedì scorso.

Ora però fioccano le prime denunce per chi ha manifestato senza autorizzazione.

Prime denunce per i manifestanti senza autorizzazione

La premessa è che non vengono denunciati per il motivo delle manifestazioni, come già qualcuno sibila, ma semplicemente perché quella manifestazione non era stata comunicata come la legge impone, quindi era fuori regola.

Durante la manifestazione una decina di persone tra organizzatori e partecipanti sono state identificate e nei prossimi giorni si vedranno recapitare delle denunce per violazione dell'art. 18 del Tulps (testo unico di Legge della Pubblica Sicurezza): in sostanza vengono ritenuti responsabili di aver organizzato una manifestazione non autorizzata.

LEGGI ANCHE: Ma quale solidarietà ai No-Vax, la Polizia si è tolta il casco per mantenere tranquilli gli animi

In totale le presenze sono state piuttosto basse a Mantova: si conta che ci fossero tra circa 200 manifestanti. La maggior parte dei no-Green Pass si è trovata a Milano dove in migliaia hanno sfilato per le strade meneghine, provenienti da tutte le province.

La differenza è che, però, a Mantova non c'era stata alcuna comunicazione della manifestazione che è dunque risultata irregolare.

Manifestazione pacifica

I presenti hanno portato avanti una manifestazione pacifica, monitorata dalla Presenza di alcuni Agenti della Polizia e diversi Carabinieri sia in divisa che in borghese, il cui intervento non è stato fortunatamente necessario.

Il corteo è iniziato da Piazza Sordello alle 5.30 in piazza Sordello: l'appuntamento era stato dato sui social ma evidentemente non ha riscontrato il successo desiderato.

I motivi della manifestazione, pubblicizzati da un volantino diffuso su Facebook, erano di manifestare contro il "passaporto schiavitù", obblighi vaccinali, la "truffa Covid" e la dittatura instaurata. Naturalmente tutto in nome della libertà.

Il volantino
Il volantino