Menu
Cerca

Il Preside “chiama” i cani antidroga per un controllo a sorpresa a scuola

L’attività si è svolta all’ingresso di un Istituto professionale del centro cittadino, in coincidenza con l’entrata degli studenti, ed è proseguito all’interno della scuola, su espressa richiesta del Preside, nelle aule e negli spazi comuni.

Il Preside “chiama” i cani antidroga per un controllo a sorpresa a scuola
Cronaca Mantova, 13 Dicembre 2018 ore 15:05

Nella mattinata odierna si sono svolti servizi di polizia, disposti dal Questore di Mantova sulle linee guida assunte in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto, al fine di prevenire i reati e le condotte illecite che più da vicino interessano il mondo giovanile, con particolare riferimento al fenomeno dello spaccio e consumo di sostanze stupefacenti nei pressi degli Istituti scolastici.

Cani antidroga a scuola

I servizi hanno visto l’impiego di 3 equipaggi della Squadra Mobile della Questura, che si sono avvalsi della cooperazione di 2 Unità Cinofile del Reparto Speciale della Polizia di Stato di Bologna. L’attività si è svolta all’ingresso di un Istituto professionale del centro cittadino, in coincidenza con l’entrata degli studenti, ed è proseguito all’interno della scuola, su espressa richiesta del Preside, nelle aule e negli spazi comuni (bagni, corridoi…), con i cani “antidroga” che hanno ispezionato i locali alla ricerca di eventuale sostanza stupefacente introdotta illecitamente nell’Istituto. Le verifiche hanno dato esito negativo.

LEGGI ANCHE: il programma di dicembre 2018 a Mantova

Controlli ripetuti

Tali tipologie di controlli, d’intesa con i Presidi delle scuole, verranno ripetuti a scadenze periodiche, al fine di prevenire e reprimere consumo e spaccio di droga all’interno degli Istituti scolastici. Le Unità Cinofile della Polizia di Stato sono state, successivamente, impiegate per controlli nelle zone della città considerate più sensibili dal punto di vista della percezione di sicurezza dei residenti, data la presenza di soggetti dediti all’uso o allo spaccio di sostanze stupefacenti, quali i Giardini Nuvolari, i Giardini Lungorio, Vicolo Sottoriva e Passante APAM di viale Risorgimento.

LEGGI ANCHE: Tolleranza zero nei locali notturni del Mantovano