Guardia di Finanza Mantova: celebrati i 244 anni di vita del corpo

Celebrata oggi, all’interno della Caserma “Luigi Boccaletti”, la cerimonia alla presenza delle più alte cariche civili, militari e religiose della Provincia.

Guardia di Finanza Mantova: celebrati i 244 anni di vita del corpo
Mantova, 25 Giugno 2018 ore 18:35

Guardia di Finanza Mantova: celebrati oggi, lunedì 25 giugno, i 244 anni di via del corpo.

Guardi di Finanza Mantova

E’ stata celebrata oggi, all’interno della Caserma “Luigi Boccaletti”, sede del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Mantova, la cerimonia di ricorrenza del 244° anniversario della Fondazione del Corpo della Guardia di Finanza, alla presenza delle più alte cariche civili, militari e religiose della Provincia.
Proprio nella ricorrenza del centenario della fine della prima guerra mondiale, il Presidente della Repubblica, con il recente Decreto del 4 maggio 2018, ha conferito alla Bandiera di Guerra della Guardia di Finanza la Medaglia d’Oro al Merito Civile.

I ringraziamenti

Nel corso della breve cerimonia, oltre alla lettura del messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e dell’Ordine del Giorno Speciale del Comandante Generale – Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi, il Comandante Provinciale, Gen. B. Andrea Pieroni ha posto i suoi ringraziamenti alle Fiamme Gialle mantovane per l’impegno e l’abnegazione con i quali quotidianamente esercitano le loro delicate funzioni.
Una breve parentesi dell’incontro è stata dedicata all’elencazione dei risultati conseguiti nell’ultimo anno e mezzo nei principali settori d’intervento di competenza del Corpo, fra i quali quelli a contrasto dell’evasione fiscale, degli illeciti commessi in materia di spesa pubblica, della lotta alla contraffazione ed all’abusivismo commerciale sino alle forme più insidiose di criminalità economica e finanziaria.

Impegno confermato

E’ stato quindi riaffermato, anche per il 2018, l’impegno delle Fiamme Gialle sul territorio virgiliano rappresentato dalla lotta ai fenomeni di illegalità e criminalità finanziaria più rilevanti, diffusi e pericolosi per il sistema economico per la stabilità dei conti pubblici del Paese: evasione, elusione, frodi fiscali, sprechi di risorse pubbliche, riciclaggio di denaro “sporco”, contraffazioni e traffici illeciti.
Nel corso della manifestazione si è provveduto, come consuetudine, alla consegna di brevetti di ricompense di ordine morale a militari che si sono particolarmente distinti in operazioni di servizio.

Di seguito, il bilancio dei risultati conseguiti nel corso del 2017 e nei primi 5 mesi del 2018.

Frodi fiscali, economia sommersa e gioco illegale

Sono state eseguite, in tutta la provincia, 174 verifiche fiscali e 272 controlli fiscali volti al contrasto di violazioni in materia economico-finanziaria. Tali controlli hanno portato alla scoperta di 51 “evasori totali”, cioè imprenditori e lavoratori autonomi inottemperanti agli obblighi di dichiarazione ai fini delle imposte sui redditi, dell’IVA e dell’IRAP, per una base imponibile netta di oltre 21 milioni di euro e di 5 milioni di I.V.A.
Inoltre sono stati effettuati 3.859 controlli strumentali volti a riscontrare la corretta osservanza dell’obbligo di emettere ricevute e scontrini fiscali; di questi ben 1.201, cioè il 31%, hanno avuto esito irregolare. Nell’ambito della lotta al “sommerso di lavoro”, sono stati individuati 179 lavoratori “in nero” e 493 “irregolari”, con conseguente verbalizzazione di 81 datori di lavoro.
Nell’ambito dell’attività a tutela del monopolio statale del gioco e delle scommesse, sono stati eseguiti 152 interventi con la verbalizzazione di 300 soggetti.

Truffe sui fondi pubblici e illegalità nella pubblica amministrazione

Sul fronte della vigilanza sull’impiego delle risorse pubbliche (comunitarie, nazionali e locali), sono pervenute 130 deleghe d’indagine dalla magistratura ordinaria. Sul versante delle frodi al Servizio Sanitario Nazionale (prestazioni sociali agevolate e ticket sanitari) sono stati eseguiti 70 controlli che hanno portato alla scoperta di 35 irregolarità.

Criminalità organizzata e economico-finanziaria

L’obiettivo di fondo è colpire la delinquenza organizzata nel cuore dei propri interessi economici e patrimoniali, attraverso l’individuazione ed il conseguente sequestro di beni e ricchezze. L’attività nel settore mira, tra l’altro, al contrasto dei reati societari e fallimentari, al riciclaggio, all’usura, all’abusivismo finanziario, ai reati bancari ed alla falsificazione dei mezzi di pagamento. In tale ambito, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria 138 soggetti, controllando altresì 172 operazioni sospette in materia di riciclaggio.
La Guardia di Finanza è fortemente impegnata anche nel contrasto alla contraffazione e agli altri illeciti che danneggiano la proprietà intellettuale (tutela del made in Italy, sicurezza dei prodotti), in virtù delle specifiche competenze riconosciute per legge nel settore. L’impegno profuso dai militari di Mantova ha portato alla denuncia di 11 persone e al sequestro di oltre 1.254.168 pezzi di merce contraffatta o non rispondente alle norme di sicurezza (dai capi di abbigliamento e di pelletteria ai giocattoli, ai cosmetici, alle calzature ed ai componenti elettronici).

Traffici illeciti

Il Corpo assicura un’ampia azione di contrasto ai traffici illeciti, non solo di merci di contrabbando, ma pure di stupefacenti, rifiuti, armi ed esseri umani, spesso di dimensioni internazionali, anche attraverso lo svolgimento di controlli su strada di natura preventiva mediante l’impiego del dedicato dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti.
Dal 1° gennaio 2017 al 31 maggio 2018, il contrasto al traffico allo spaccio ed al consumo di stupefacenti ha portato alla denuncia all’A.G. di 21 persone di cui 14 in stato di arresto.
Inoltre, con l’impiego quotidiano di pattuglie automontate, in uniforme, che gravitano sulle principali vie di comunicazione dell’intera provincia, si rende visibile e tangibile la quotidiana presenza Istituzionale, anche in rapporto al servizio “117”.
Nell’ultimo anno e mezzo, al numero di pubblica utilità “117”, sono pervenute 154 segnalazioni di cui 65 anonime, 25 sono le attivazioni che hanno portato all’intervento di una pattuglia “117” che in 12 casi hanno avuto riscontro positivo.

Servizi di ordine e sicurezza pubblica

Degna di rilievo è stata la presenza delle unità specializzate del Corpo nel concorso al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, che hanno comportato l’impiego di 604 pattuglie, sempre a fianco delle altre Forze di Polizia. Inoltre, nel corso dello svolgimento di servizi di controllo economico del territorio, sono stati elevati 105 verbali in materia di sicurezza della circolazione stradale e, attraverso l’impiego della componente navale, 29 sanzioni amministrative per violazioni varie (polizia marittima e fluviale, ambientale, demaniale ed ittico-venatoria).

LEGGI ANCHE Trovato morto in un’aula dell’ex Istituto Greggiati  oppure TORNA ALLA HOME PER TUTTE LE ALTRE NOTIZIE!

Seguici sui nostri canali