Bimbi farfalla: lezione di vita all’ospedale di Mantova

I professionisti dell’ASST descrivono la loro esperienza al fianco di Riccardo Visioli, il ragazzo di 20 anni sottoposto il 15 gennaio a un complesso intervento cardiochirurgico.

Bimbi farfalla: lezione di vita all’ospedale di Mantova
Cronaca Mantova, 28 Febbraio 2018 ore 15:24

Grande lezione di vita: “Riccardo ha cambiato anche noi”.

Grande lezione di vita

“Abbiamo ricevuto una grande lezione di vita, è un paziente fuori dal comune che sa dare più che ricevere”. Così i professionisti dell’ASST di Mantova hanno descritto la loro esperienza al fianco di Riccardo Visioli, il ragazzo di 20 anni sottoposto il 15 gennaio a un complesso intervento cardiochirurgico.

Sindrome dei “bimbi farfalla”

Un caso delicato, che ha visto la collaborazione degli operatori di diverse strutture aziendali. Un approccio multidisciplinare, fondamentale per un paziente fragile come Riccardo, affetto da sindrome di Marfan e da epidermolisi bollosa distrofica, meglio conosciuta come sindrome dei “bimbi farfalla”.

Ringraziamento a tutto il personale

L’occasione dell’incontro che si è tenuto oggi nella sala riunioni della Direzione Generale è stata creata dallo stesso Riccardo e dal padre Giuliano: un momento conviviale per ringraziare tutto il personale. Erano presenti, oltre alla Direzione e ai professionisti, anche il questore Salvatore Pagliazzo Bonanno e il prefetto Sandro Lombardi, che avevano fatto visita al ragazzo durante i giorni di degenza e che anche oggi hanno voluto rendergli omaggio e complimentarsi con i professionisti.

Poma eccellenza della sanità

“Siamo venuti per stare vicini a Riccardo e dirgli di non fermarsi mai – hanno commentato il prefetto e il questore – Il Poma, grazie al direttore della Cardiochirurgia Manfredo Rambaldini e a tutta la sua equipe, si è dimostrato un’eccellenza della sanità lombarda e italiana”.

Professionisti protagonisti della sanità

Il direttore sanitario Maurizio Galavotti ha ringraziato “i professionisti del mondo sanitario e amministrativo che hanno cooperato, ciascuno per la propria competenza, perché si è trattato di un caso che ha richiesto l’attivazione di percorsi e procedure particolari su vari fronti”. Il direttore generale Luca Stucchi ha aggiunto che sono “i professionisti i veri protagonisti della sanità ai quali va il plauso dell’azienda”.

Un paziente speciale

Manfredo Rambaldini ha speso parole di apprezzamento per tutti i colleghi e in particolare per gli infermieri: “Sono rimasto colpito dalla professionalità, dall’impegno e dall’amore con cui si sono dedicati a Riccardo, un paziente che ha saputo cambiare anche noi e il nostro modo di lavorare e di avvicinarci al letto del malato”.

I ringraziamenti di Riccardo

Sono stati sottolineati inoltre la gestione ottimale delle sale operatorie, il valore della multidisciplinarietà, l’importanza della collaborazione del paziente e del padre con i sanitari. Riccardo ha ringraziato i presenti “per tutto ciò che è stato fatto prima, durante e dopo l’intervento e il ricovero”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità