Fondi Boomerang: nel Mantovano i giovani tornano a fare boom

Quattro Fondi boomerang e uno sportello per gli inserimenti lavorativi per andare diritto verso i propri sogni, grazie a Fondazione Cariplo.

Fondi Boomerang: nel Mantovano i giovani tornano a fare boom
Mantova, 04 Marzo 2019 ore 17:00

Tutti hanno diritto di sognare il proprio futuro, soprattutto i giovani. Eppure alcuni di loro sono costretti a rinunciarvi per motivi familiari o economici.

Fondi Boomerang

Lì dove non arrivano le famiglie e neppure le istituzioni cerca di intervenire Generazione Boomerang, uno dei progetti finanziati nella terza edizione del bando “Welfare di comunità” di Fondazione Cariplo, che nel mantovano punta a ridare ai giovani under 30 opportunità e fiducia nel futuro. Il progetto si muove su due assi fondamentali: da un lato quello dell’indipendenza lavorativa e abitativa, dall’altro quello dell’autonomia e della responsabilizzazione. All’interno del progetto, nel 2018 sono nati i Fondi Boomerang, dei fondi molto importanti destinati al supporto dei giovani e dei loro progetti di vita, in particolare nell’ambito della formazione scolastica e professionale. Tre Fondi su quattro sono già attivi: il Fondo Scuola, un contributo a fondo perduto per contrastare la dispersione scolastica, lo sportello di micro-credito per la concessione di piccoli prestiti finalizzate al benessere e al potenziamento del giovanee il fondo Futuro, ispirato al prestito d’onore, basato sul modello statunitense, che punta sull’impegno morale del giovane che si impegna a rialimentare il fondo in caso di raggiungimento dei suoi obiettivi. Esiste poi il fondo Casa, nato per favorire l’indipendenza abitativa, ma questo fondo deve ancora partire.

30 famiglie aiutate

Il Fondo Scuola ad oggi ha aiutato 30 famiglie a pagare l’abbonamento per l’autobus, comprare libri di testo, occhiali da vista e divise scolastiche. I micro-crediti, non superano i 5000 euro, e presuppongono un rimborso con piccole rate divisa in 36 mesi. Sono i ragazzi a fare una richiesta a Boomerang che si occupa di scrivere un dossier che viene poi analizzato da una commissione formata da Caritas, Fondazione Comunità Mantovana e Associazione Agape Onlus, che valuta sulla concessione del fondo in base a criteri prestabiliti e condivisi. C’è la storia di un ragazzo di 22 anni, con i genitori disoccupati, che ha ottenuto un prestito di 2.500 euro per pagare l’ultima rata dell’università. O quella di un quattordicenne, colpito da una malattia alle ossa, che si è potuto curare grazie a un prestito di 2.700 euro. O ancora quella di una ragazza proveniente da una famiglia colpita dalla crisi, che ha potuto comprare un’auto per raggiungere il posto di lavoro. Infine, c’è la storia di una ragazza di 27 anni che, dopo aver rinunciato a studiare per svolgere lavori precari, ha potuto iscriversi a un corso di formazione in ambito socio sanitario e tornare a investire sul proprio futuro.

5 assunti nel Mantovano

Con il fondo Futuro è stata invece aiutata una studentessa con una grande passione per la zootecnia, che vive sola con la mamma, a prendere la patente per poter cogliere un’opportunità di lavoro estivo in una ditta di allevatori della zona. Alle giornate di Assessment finora hanno partecipato 30 ragazzi. Di questi, 4 hanno frequentato un corso di formazione, per altri 16 è stato attivato un percorso di tirocinio che per alcuni è ancora in corso, 5 sono stati assunti nella provincia di Mantova. E qualcuno anche più lontano: Milano e Roma.

C’è poi una storia che fa ponte fra i fondi Boomerang e lo sportello per gli inserimenti lavorativi.

È quella di una ragazza, senza una famiglia solida alle spalle, molto in gamba, che dopo il diploma ha preso la patente grazie al Fondo Futuro. Dopo avere frequentato le 5 giornate di orientamento lavorativo, propedeutiche agli inserimenti lavorativi, si è distinta e ha avuto una bella opportunità di tirocinio.

Lo sportello

Infine, sempre a supporto dei giovani del territorio, è stato implementato uno sportello di inserimento lavorativo, gestito dalConsorzio di cooperative Sol.Co. Mantova che riceve le segnalazioni da diversi enti territoriali, incontra i ragazzi per un colloquio conoscitivo e li invita a partecipare a un percorso di assessment che dura dalle 3 alle 5 giornate. Durante le giornate di Assessment i tutor d’aula danno ai ragazzi degli input. Sono poi loro a strutturare il proprio percorso in base a quello di cui hanno bisogno.

MAGGIORI INFO>> I giovani tornano a fare Boom

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia