Cronaca
Guardia di Finanza

Falso "Made in Italy": sequestrati oltre 1.200 borse e articoli di bigiotteria

Ritenuti non conformi alle norme di settore.

Falso "Made in Italy": sequestrati oltre 1.200 borse e articoli di bigiotteria
Cronaca Mantova, 17 Giugno 2022 ore 16:37

Guardia di Finanza di Mantova: contestate ipotesi di violazioni al codice del consumo e a tutela del "Made in Italy". Sequestrati oltre 1.200 articoli di bigiotteria e accessori.

Falso "Made in Italy"

Nel corso di mirati controlli in materia di sicurezza prodotti e tutela del “made in Italy”, nei giorni scorsi, i militari del Gruppo di Mantova della Guardia di Finanza hanno posto sotto sequestro 1.246 accessori e articoli di bigiotteria ritenuti non conformi alle norme di settore.

In un negozio del capoluogo, infatti, sono stati individuati 254 articoli di bigiotteria (principalmente collane) e 266 accessori (perlopiù borse) posti in vendita privi delle previste indicazioni minime destinate ad informare il consumatore. Infatti, la vigente normativa comunitaria e nazionale prevede, tra l’altro, l’obbligatoria indicazione, chiaramente visibile e leggibile, della denominazione legale o merceologica del prodotto, del produttore o importatore e del Paese di origine.

Le etichette "ingannevoli"

Inoltre, l’attenzione dei militari ha consentito anche di rilevare che gli articoli erano esposti per la vendita recando un’etichetta ove erano riportati segni mendaci tipicamente distintivi del “made in Italy”, ovvero il tricolore italiano, nonostante le stesse etichette riportassero anche la scritta “made in PRC”. Tale circostanza è sufficiente ad indurre potenzialmente in errore il consumatore sulla reale origine del bene, portandolo a ritenere che tale merce sia stata prodotta in Italia. Le successive ricerche nei locali commerciali dell’esercizio controllato hanno consentito di rinvenire 766 etichette con le medesime caratteristiche ingannevoli, pronte ad essere apposte su altri articoli.

Al termine delle attività e in ragione delle violazioni riscontrate, quanto accertato è stato segnalato alla locale Procura della Repubblica e alla Camera di Commercio per le violazioni al Codice del Consumo, che prevedono sanzioni comprese tra 516 e 25.823 euro.

Gli oggetti sequestrati, del valore complessivo di oltre 6.000 euro, sono stati posti a disposizione delle Autorità rispettivamente competenti in ragione della diversa natura delle violazioni constatate.

Il servizio effettuato, che rientra nel più ampio dispositivo per il contrasto alla contraffazione ed all’abusivismo commerciale, è frutto della costante presenza sul territorio delle Fiamme Gialle virgiliane finalizzata al contrasto delle condotte illecite perpetrate a danno dei consumatori ma anche della concorrenza leale tra gli operatori rispettosi della legalità. Si rammenta, inoltre, che il numero di pubblica utilità “117” può essere utilizzato per ricevere ogni segnalazione di episodi di interesse per la Guardia di Finanza, in ragione delle peculiari funzioni di polizia economico - finanziaria, a tutela delle risorse pubbliche e degli interessi della collettività.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter