Mantova

Esame di guida con radiotrasmittente: denunciato 37enne

L'uomo, un cittadino nigeriano, tramite un dispositivo WI-FI collegato ‘in diretta” con un complice riceveva in modo illecito le risposte esatte.

Esame di guida con radiotrasmittente: denunciato 37enne
Cronaca Mantova, 16 Dicembre 2020 ore 11:30

Nella mattinata di ieri, durante una sessione di Esami di Teoria per il conseguimento della Patente di Guida in corso di svolgimento presso l’Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile, un esaminatore, passando tra i banchi degli esaminandi, ha notato illuminarsi la spia del suo dispositivo elettronico abitualmente utilizzato per individuare la presenza di frequenze radio illecite.

La chiamata alla Polizia

L’allarme si è attivato nei pressi della postazione di U.O., cittadino nigeriano di 37 anni, pregiudicato per i reati di falsa attestazione o dichiarazione a Pubblico Ufficiale, immigrazione clandestina, oltraggio e rifiuto di indicare le proprie generalità a Pubblico Ufficiale e guida senza patente. Il Personale della Motorizzazione, per non disturbare gli altri candidati, ha fatto continuare la sessione d’esame e, nel frattempo, ha richiesto alla Centrale Operativa della Questura l’intervento della Polizia.

Dopo essere giunti immediatamente sul posto, gli Agenti della “Volante”, attesa la conclusione dell’esame, hanno avvicinato U.O. chiedendogli se per caso avesse indosso una qualsiasi apparecchiatura per la ricezione di comunicazioni dall’esterno.

Il dispositivo Wi-Fi

Costui, incalzato dalle domande degli Agenti intervenuti, ha risposto in modo vago e in evidente stato di agitazione. Quindi, per procedere alla sua completa identificazione, i poliziotti hanno richiesto al soggetto di abbassare la mascherina che indossava – come prescritto dalla norme governative per il contrasto della pandemia dovuta alla diffusione del virus COVID-19 – al fine di verificare la corrispondenza del viso con la fotografia del suo documento: ed è proprio a questo punto che gli Agenti si sono accorsi di come, all’interno di essa, vi fosse occultato un dispositivo WI-FI collegato ‘in diretta” con un complice che – appartato all’esterno della Sede della Motorizzazione Civile – aveva “assistito” U.O. in modo illecito per tutta la durata dell’esame, fornendo al candidato le risposte esatte.

Scatta la denuncia

L’uomo, pertanto, è stato fermato e accompagnato negli Uffici di Piazza Sordello per effettuare tutte le verifiche e gli accertamenti necessari a delineare la vicenda; al termine dei controlli, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Mantova per il reato di “concorso al fine di trarre in inganno un Pubblico Ufficiale nel rilascio di Certificati o di Autorizzazioni Amministrative”.

Tutto il materiale tecnologico usato da U.O. è stato sequestrato allo scopo di poter permettere agli investigatori della Questura di risalire ai complici esterni che, dall’altro capo del collegamento, avevano suggerito le risposte esatte dei quiz degli Esami Ministeriali di teoria per il conseguimento della patente di guida.

Avviate le procedure di espulsione

L’Ufficio Immigrazione della Questura di Mantova, su disposizione del Questore della Provincia di Mantova Paolo Sartori, ha iniziato il Procedimento Amministrativo finalizzato a decretare, con urgenza, l’Espulsione di U.O. dal Territorio Nazionale.

LEGGI ANCHE

Il programma “Slow Tour Padano” di Patrizio Roversi sbarca a Mantova

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità