Due 25enni insospettiscono i Carabinieri: dopo la perquisizione scatta la denuncia

Dopo la perquisizione si è scoperchiato il vaso di Pandora. 

Due 25enni insospettiscono i Carabinieri: dopo la perquisizione scatta la denuncia
Mantova, 23 Aprile 2018 ore 17:27

Due 25enni hanno attirato l’attenzione dei Carabinieri in via Solferino a Mantova: dopo la perquisizione si è scoperchiato il vaso di Pandora.

Due 25enni fermate dai Carabinieri

Nel pomeriggio di ieri, domenica 22 aprile, una volante in servizio di controllo del territorio ha notato due donne che camminavano in via Solferino; alla vista della macchina della Polizia, le due hanno iniziato a manifestare evidenti segni di nervosismo, affrettando il passo, come a voler eludere un eventuale controllo.

I sospetti

Insospettiti, gli operatori le hanno seguite e bloccate allo scopo di identificarle. Le due, una cittadina bosniaca ed una croata, entrambe venticinquenni abitanti in altre province, continuavano a dimostrarsi particolarmente nervose, tanto da far ritenere opportuno il loro accompagnamento in Questura,  per un approfondimento delle loro posizione.

La perquisizione

Sottoposte entrambe a perquisizione,  la cittadina bosniaca risultava occultare sotto i vestiti un grosso scalpello da muratore della lunghezza di 27 cm, oltre ad un cacciavite della lunghezza di 17 cm con punta accuminata, del cui possesso non ha fornito alcuna valida spiegazione: con ogni probabilità, gli strumenti in questione dovevano servire a commettere illecite attività, tenuto conto anche dei precedenti di polizia delle donne. Sottoposte a fotosegnalamento e susseguente controllo AFIS, le due risultavano, infatti,  avere svariati “alias”, e precedenti per reati contro il patrimonio e altro. Avendo fornito false generalità al personale di Polizia, le due donne sono state denunciate per il relativo reato, oltre che (solo la cittadina bosniaca) per porto di oggetti atti ad offendere.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia