denunciata

Da Viadana a Parma per comprarsi una “canna”: 24enne fermata in tempo dai Carabinieri

La giovane viadanese ha confessato tranquillamente il motivo della sua uscita.

Da Viadana a Parma per comprarsi una “canna”: 24enne fermata in tempo dai Carabinieri
Viadana, 16 Aprile 2020 ore 14:37

Continuano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Viadana relativi alle regole imposte sui divieti di movimento al fine di contenere il contagio del coronavirus, che, in base alle norme recentemente introdotte, prevedono ora sanzioni amministrative per i trasgressori.

Multe più salate, ma c’è ancora chi si sposta troppo

Dal 26 Marzo scorso infatti scattano adesso multe salate, da 400 a 3000 euro, per chi viola le regole anti contagio, e anche oggi si sono registrate altre sanzioni.

Infatti ci sono ancora alcune persone che girano e si spostano senza un giustificato motivo, da un Comune all’altro, senza una ragione di necessità, in violazione delle norme in vigore; i militari delle Stazioni dipendenti dalla Compagnia hanno contestato diverse violazioni, una ventina solo nelle ultime ore.

Diretta a Parma per comprare “una canna”

Una ragazza 24enne di Viadana è stata sorpresa mentre cercava di raggiungere la fermata dei pullman di Viadana; ai militari della Stazione di Viadana che l’hanno fermata si è giustificata dicendo che aveva la necessità di fumarsi una “canna” e che quindi sarebbe andata a Parma per acquistarla; per lei, come per le altre persone sorprese a piedi senza giustificato motivo, la sanzione amministrativa è di 280 euro se pagata entro i 30 giorni in misura ridotta.
L’attenzione del Comando Compagnia Carabinieri di Viadana rimane quindi alta e costante sull’intero territorio di competenza al fine di garantire la massima vicinanza al cittadino in questo particolare periodo, procedendo a rigorosi controlli al fine di assicurare che tutti rispettino scrupolosamente le prescrizioni imposte normativamente.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia