ASST Mantova

Covid, il nuovo volto del Pronto Soccorso: separazione percorsi e aumento capacità accoglienza

Dopo l’intervento a Mantova, lavori anche a Borgo Mantovano e ad Asola.

Covid, il nuovo volto del Pronto Soccorso: separazione percorsi e aumento capacità accoglienza
Cronaca Mantova, 27 Novembre 2020 ore 15:20

Covid, il nuovo volto del Pronto Soccorso: dopo l’intervento a Mantova, lavori anche a Borgo Mantovano e ad Asola per separare i percorsi e aumentare la capacità di accoglienza.

Covid, il nuovo volto del Pronto Soccorso

L’emergenza ha portato a modificare la fisionomia delle strutture di Pronto Soccorso di ASST. Dopo l’intervento eseguito all’ospedale di Mantova, sono in via di completamento lavori di riqualificazione anche ad Asola e Borgo Mantovano, con l’obiettivo di accogliere un numero maggiore di pazienti e migliorare la separazione dei percorsi Covid da quelli non Covid.

Pronto soccorso Borgo Mantovano

Al Pronto Soccorso di Borgo Mantovano sono stati ampliati gli spazi Covid e si è creato un collegamento più diretto con l’ospedale. In particolare, sono stati creati percorsi distinti per l’accettazione e la valutazione dei pazienti sospetti Covid e degli altri pazienti. Ciò è stato possibile grazie all’uso di due container – uno dei quali verrà montato a breve – posti in continuità con la struttura muraria e provvisti di tutto il necessario. Sono serviti diversi lavori di ristrutturazione di parte dei locali.

Continuano poi, a seconda delle esigenze che di volta in volta si presentano, le attività di modulazione delle aree, a favore di un maggiore capacità di ospitare pazienti colpiti da coronavirus. Per l’osservazione breve, il Pronto Soccorso di Borgo Mantovano dispone di 2 posti letto di Covid e di 4 posti letto non Covid.

Pronto soccorso Asola

Al Pronto Soccorso di Asola è stata estesa l’area dedicata ai pazienti non Covid, grazie alla realizzazione di un percorso aggiuntivo più protetto. In questo modo è stato possibile incrementare i posti per i pazienti Covid. All’osservazione sono riservati 2 posti letto Covid e altrettanti non Covid.

L’intervento sarà completato da alcune modiche che coinvolgeranno l’ingresso dell’area ospedaliera. È prevista la chiusura ai mezzi e di conseguenza una più efficiente canalizzazione dell’accesso pedonale. Verrà creata una copertura del pretriage e una segnaletica specifica permetterà agli utenti di orientarsi con più facilità già all’ingresso del presidio.

Pronto soccorso Mantova

Nei mesi scorsi il cantiere ha interessato il Pronto Soccorso di Mantova, dove è stata realizzata una camera calda dedicata per l’accesso dei pazienti Covid. I lavori hanno ottimizzato la separazione dei percorsi Covid da quelli non Covid. Ma l’intervento non è terminato. Una fase ulteriore, già programmata all’inizio dell’anno, si svolgerà al termine dell’emergenza pandemica e consiste nella riorganizzazione degli spazi con l’obiettivo di diminuire i tempi di attesa. All’osservazione breve, il Pronto Soccorso di Mantova dedica attualmente 2 posti letto non Covid e 17 posti letto Covid.

Drive Through

È partita oggi l’attività dei punti tamponi allestiti a Pieve di Coriano e a Viadana. A Viadana la sede, solo pedonale, è stata trasferita in Piazzale Baroni 1, nelle adiacenze del parcheggio di Piazzale della Libertà. A Pieve di Coriano, invece, postazione doppia per pedoni e mezzi nel parcheggio dell’ospedale. Prenotazioni a cura di ATS.

LEGGI ANCHE

Influenza: “Estesa vaccinazione gratuita con dosi spray ai bambini fino a 10 anni”

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità