Cronaca
73 controlli

Controlli sulla detenzione di armi da fuoco, 3 mantovani denunciati

I Carabinieri della Compagnia di Mantova hanno intensificato nei comuni di competenza le ispezioni nei confronti dei detentori di armi.

Controlli sulla detenzione di armi da fuoco, 3 mantovani denunciati
Cronaca Mantova, 09 Ottobre 2021 ore 11:56

I Carabinieri della Compagnia di Mantova hanno intensificato nei comuni di competenza le ispezioni nei confronti dei detentori di armi.

Controlli dei Carabinieri sulla detenzione di armi da fuoco: 3 denunciati

Lo scopo dei controlli, ben 74, è stato quello di riscontrare eventuali anomalie o situazioni irregolari rispetto alla normativa vigente. I militari attraverso la documentazione contenuta negli archivi hanno quindi raggiunto il domicilio dei detentori di armi dove hanno proceduto a verificare: la regolarità della documentazione presentata; la rispondenza delle modalità di detenzione alle disposizioni di sicurezza in materia di custodia delle armi; la conformità delle armi detenute a quelle indicate nelle denunce di possesso a vario titolo (caccia, sport, semplice detenzione); eventuali controindicazioni oggettive di sorta subentrate.

Tre persone denunciate

Il bilancio dell’attività è di tre persone denunciate in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria. In particolare, uno di loro, residente a San Giorgio Bigarello classe 89, si è reso responsabile di detenzioni abusiva di armi, in quanto trovato in possesso di una doppietta ricevuta in eredità ma detenuta in assenza di valido titolo autorizzativo. Altri due, invece, rispettivamente padre e figlio, entrambi residenti a Curtatone, sono stati denunciati per aver omesso di regolarizzare presso le Autorità di polizia il cambio di domicilio di uno dei tanti fucili già in loro possesso nonché di denunciare il possesso di munizionamento calibro 7,65.

Ritirate le armi

Considerate le irregolarità riscontrate, per questi ultimi si è inoltre provveduto al ritiro, in via cautelare, delle rimanenti armi, regolarmente detenute, ed dei relativi titoli autorizzativi.
Nel corso delle verifiche, inoltre, sono state notificate quattro diffide, ad altrettante persone, a produrre la certificazione medica di idoneità psico-fisica al possesso delle armi e raccolte tredici armi versate spontaneamente dai possessori per la successiva rottamazione.