i controlli dei carabinieri

Controlli in azienda, scoperti due operai irregolari

Entrambi privi di permesso di soggiorno, sono stati sorpresi a lavorare senza mai essere stati assunti.

Controlli in azienda, scoperti due operai irregolari
Cronaca Mantova, 23 Luglio 2021 ore 14:30

Nella mattinata odierna i Carabinieri della Stazione di Quistello, coadiuvati da personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Mantova, nel corso di mirato servizio volto al controllo delle attività produttive presenti sul territorio, hanno sottoposto ad ispezione un’azienda agricola presente nella frazione di Nuvolato di Quistello.

Controllo delle attività produttive da parte dei Carabinieri di Quistello

All’atto del controllo due operai, entrambi privi di permesso di soggiorno, sono stati sorpresi a lavorare senza mai essere stati assunti ed inoltre è stata constatata la mancata applicazione dei protocolli previsti per il contrasto del diffondersi della pandemia da Covid-19. Per tali violazioni il titolare dell’impresa è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Mantova ed è stata elevata nei suoi confronti la sanzione di 13.000 euro e disposta l’immediata sospensione dell’attività imprenditoriale. I due operai irregolari, invece, sono stati denunciati anche loro all’A.G. ed invitati presso l’Ufficio Stranieri della Questura di Mantova per regolarizzare la propria posizione sul territorio dello Stato.

Tabacco da masticare privo di contrassegno dello Stato

A Gonzaga, invece, i Carabinieri della Stazione di Gonzaga (MN), nell’ambito di un servizio finalizzato a contrastare il traffico illecito di prodotti di contrabbando, eseguivano differenti controlli nei diversi esercizi commerciali presenti nella cittadina rinvenendo, nel retrobottega di un negozio alimentare di prodotti di origine indiana, n.61 bustine di tabacco da masticare di differenti qualità, per un peso complessivo di grammi 768, tutte prive del contrassegno dei monopoli di Stato e detenute in violazione delle leggi doganali. Per tale motivo il titolare dell’esercizio è stato sanzionato con una ammenda di 1666 euro.