Clandestino a Mantova rintracciato dai carabinieri ed espulso da polizia e prefetto

Avviato verso il proprio paese d'origine un 31enne senza precedenti ma senza permesso.

Clandestino a Mantova rintracciato dai carabinieri ed espulso da polizia e prefetto
Mantova, 23 Aprile 2019 ore 15:03

Clandestino a Mantova: rintracciato ed espulso un 31enne senza precedenti penali ma senza permesso di soggiorno.

Senza permesso di soggiorno

Era giunto alcuni mesi fa in Italia da clandestino: T.E., classe 1987, è stato rintracciato in provincia, privo di documenti, da una pattuglia dei carabinieri, e messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione della Questura. Il giovane probabilmente pensava di poter rimanere in Italia sebbene non avesse la documentazione in regola per soggiornarvi, ma come detto è stato pizzicato dai carabinieri. Che, una volta identificato il 31, hanno avviato le pratiche per l’espulsione.

Consegnato alla questura

Il 31enne è stato così consegnato alla Questura di Mantova. Dopo essere stato sottoposto a fotosegnalamento, T.E., privo di precedenti penali, ma senza titolo per rimanere in Italia, nella giornata di oggi, martedì 23 aprile 2019, è stato colpito da decreto di espulsione del Prefetto di Mantova e contestuale Ordine del Questore di allontanarsi dal territorio nazionale entro 7 giorni.

 

LEGGI ANCHE: Rogo nel mangimificio di Pegognaga: danni per 150mila euro

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia