GIOVANI AMBIENTALISTI

Cittadinanza attiva, gli studenti delle superiori curano parte del Parco del Mincio

Campo Canoa: gli studenti del Mantegna piantumano e puliscono.

Cittadinanza attiva, gli studenti delle superiori curano parte del Parco del Mincio
Mantova, 12 Febbraio 2020 ore 17:02

Campo Canoa: gli studenti del Mantegna “curano” il territorio.

L’impegno degli studenti per l’alternanza scuola lavoro

Impegnati nel progetto di alternanza scuola lavoro con l’ente Parco del Mincio hanno raccolti rifiuti e piantato alberi. Per il quarto anno consecutivo, gli studenti delle classi terza e quarta A Ambientale dell’Istituto Tecnico Andrea Mantegna di Mantova hanno dedicato una mattinata ad accudire un tratto di parco periurbano, ripulendolo dai rifiuti, zappando e mettendo a dimora nuovi alberi e specie arbustive.

L’attività è stata programmata nell’ambito del programma di Alternanza scuola lavoro promosso Parco del Mincio e dedicata al tema del potenziamento del patrimonio arboreo dell’area protetta. Il luogo prescelto è l’area nei pressi dell’ecotunnel di Campo Canoa che gli studenti hanno dedico di “adottare”.

Un progetto di cittadinanza attiva

“Il contributo che questi giovani offrono alla comunità è un positivo esempio di cittadinanza attiva – commenta il presidente del Parco del Mincio Maurizio Pellizzer – e a chi prende a cuore il territorio vanno tutti i ringraziamenti del Parco. L’auspicio è che la cultura e la sensibilità ambientale diventino sempre di più una priorità per tutti”.

4 foto Sfoglia la gallery

Materiale fornito dal Consorzio Forestale padano

Coordinati dai docenti dell’indirizzo ambientale e dalle guide ambientali incaricate dal Parco e con materiale fornito gratuitamente al Parco dal Consorzio forestale padano, i ragazzi e le ragazze coinvolti nel progetto hanno messo a dimora 15 nuove esemplari di piante autoctone: ligustro, biancospino, rosa canina, maggiociondolo. Si tratta di piante arbustive che producono bacche e frutti eduli e che quindi attraggono gli uccelli, oltre a offrire un riparo a piccoli anfibi e piccoli mammiferi durante i loro spostamenti. Gli studenti hanno anche provveduto a ripulire l’area dai rifiuti, purtroppo numerosi, depositati tra la vegetazione lungo la scarpata del ponte di San Giorgio e hanno ripristinato gli shelter degli arbusti che avevano piantati nelle annualità precedenti.

LEGGI ANCHE: Parco del Mincio, vandali distruggono una delle boe usate per determinare la qualità idrica

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia