Menu
Cerca
per 10 giorni

Chiuso il Bar Snoopy di Mantova, ritrovo per pluripregiudicati in città

Seduti ai tavolini la Polizia ha trovato due pregiudicati sorpreso con addosso diverse dosi di droga pronte per essere spacciate.

Chiuso il Bar Snoopy di Mantova, ritrovo per pluripregiudicati in città
Cronaca Mantova, 01 Giugno 2021 ore 10:53

Spaccio di stupefacenti e turbative all'ordine e alla sicurezza pubblica: è per questo che il Questore ha chiuso il bar "Snoopy" di Mantova.

Chiuso il Bar Snoopy di Mantova

Il Questore della Provincia di Mantova Paolo Sartori ha disposto la sospensione della Licenza e l’immediata chiusura del Bar “Snoopy”, che si trova nel Capoluogo, nel Quartiere Te Brunetti; il provvedimento del Questore, che avrà una durata di 10 giorni, è conseguente alle problematiche di ordine e sicurezza pubblica che si sono venute a creare negli ultimi tempi, culminate nei giorni scorsi con l’Operazione antidroga condotta dalla Squadra Mobile e dalla Squadra Volante della Questura, intervenute in un punto di “raccordo” insospettabile, utilizzato da spacciatori per smerciare sulla “piazza” cittadina sostanze stupefacenti di vario genere.

Covo per pregiudicati

La valutazione di tutta una serie di dati informativi, acquisiti dagli investigatori della Polizia perlopiù in forma confidenziale e nel corso di vari servizi di vigilanza ed appostamento nei pressi della zona segnalata, infatti, aveva consentito agli uomini della Squadra Mobile di individuare il Bar Snoopy quale luogo di incontro di soggetti con precedenti penali ovvero di Polizia per reati gravi, quali traffico di stupefacenti, lesioni personali, rapina, falso ed altro, con altri individui ben conosciuti dagli investigatori come consumatori abituali di sostanze stupefacenti.
Durante l’intervento della “Volante” di due giorni orsono, all’interno del plateatico del locale sono stati individuati – seduti ai tavolini – due cittadini tunisini ed uno marocchino, tutti conosciuti e con precedenti, i quali, alla vista degli Agenti di Polizia, sono apparsi da subito alquanto nervosi e poco collaborativi; costoro, pertanto, sono stati accompagnati negli Uffici di Piazza Sordello per gli accertamenti del caso.

Clienti con diverse dosi di hashish in tasca pronte per lo spaccio

Qui, all’esito della perquisizione personale effettuata nei loro confronti venivano rinvenute e sequestrate diverse dosi di hashish pronte per lo spaccio, nonché acquisiti elementi estremamente utili per risalire a tutta la catena di clienti e fornitori implicati a vario titolo nelle attività di spaccio di sostanze stupefacenti
poste in atto da costoro.

Da qui la decisione del Questore, il quale ha disposto la sospensione della licenza in base all’articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza: si tratta, in questo caso, di un provvedimento finalizzato a far si che venga interrotta una attività illecita ben strutturata, nonché gravemente compromissoria per l’ordine e la sicurezza pubblica, e ciò a prescindere da ruolo assunto dai gestori, in quanto tale provvedimento, per la sua natura giuridica, non è destinato a sanzionare il loro comportamento.

Il Questore Sartori ha altresì dato disposizioni all’Ufficio Immigrazione della Questura di verificare la posizione sul nostro territorio nazionale dei 3 stranieri coinvolti, e di avviare in via di urgenza il  Procedimento amministrativo finalizzato alla loro Espulsione dal Territorio Nazionale.