Cambiali e chiavette usb spuntano dopo un mese dall’omicidio

Sandro Tallarico fu ucciso con quattro colpi di pistola nella mattina del 17 gennaio sul ponte di San Giorgio. Ora i Carabinieri perquisiscono l’auto e trovano un tesoretto.

Cambiali e chiavette usb spuntano dopo un mese dall’omicidio
Mantova, 20 Febbraio 2018 ore 09:54

Cambiali e chiavette usb sequestrate all’interno dell’auto di Sandro Tallarico, il commerciante ucciso un mese fa sul ponte di San Giorgio.

Cambiali e chiavette usb in auto

Dopo un mese dal delitto del commerciante e dopo le parole di uno degli ex camerati sentiti dai Carabinieri è stata perquisita l’auto di Sandro Tallarico. Al suo interno cambiali di tredici anni fa e diverse chiavette usb. Sarebbe stato una delle persone ascoltate in queste settimane a dare un’indicazione precisa agli investigatori per il rinvenimento del bottino.

Un unico indagato per l’omicidio

Brunetto Muratori, 72 anni, ex compagno di militanza politica di Tallarico negli ambienti dell’estrema destra extraparlamentare di Ordine Nuovo, è l’unico indagato per l’omicidio. Le telecamere del Comune lo hanno ripreso in un orario compatibile con l’omicidio mentre percorreva il ponte.

Movente nel passato

L’omicidio potrebbe avere un movente nel passato. Quando i due uomini, militanti negli ambienti dell’estrema destra extraparlamentare, ruppero la loro amicizia. Contro di lui però al momento non esiste una prova sicura. Decisivi saranno i risultati dell’esame sul Dna a cui stanno lavorando i Ris di Parma, così come le analisi balistiche sulle tante armi trovate all’interno della casa. Ancora introvabile però l’arma del delitto. A tal proposito è stato scandagliato anche il fondo del lago ma senza esito positivo.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia