Coldiretti Mantova

Barbabietola da zucchero: annata positiva per quantità e qualità

Quantità con punte anche del 35-40% superiori alla deludente annata 2019.

Barbabietola da zucchero: annata positiva per quantità e qualità
Mantova, 03 Settembre 2020 ore 14:22

Barbabietola da zucchero, Coldiretti Mantova: annata positiva per quantità (+35-40%) e qualità.

Barbabietola da zucchero: annata positiva

Stagione dolce per la barbabietola da zucchero che nei giorni scorsi ha iniziato la campagna di raccolta 2020, all’insegna di buona quantità (con punte anche del 35-40% superiori alla deludente annata 2019) e qualità, con polarizzazione anche superiore a 16 gradi, che permette di ottenere un pagamento senza penalizzazioni rispetto ai contratti con gli zuccherifici.

Lo rivela Coldiretti Mantova sui primi dati di raccolto degli oltre 1.220 ettari coltivati a barbabietola in provincia (stabili rispetto al 2019, ma in forte calo rispetto ai 1.750 circa dell’annata 2018).

Numeri – rileva il sindacato guidato da Paolo Carra – che sono molto lontani dai 13-15.000 ettari che caratterizzavano il paesaggio agricolo mantovano prima della riforma comunitaria varata dal commissario Ue Mariann Fischer Boel, con il disco verde dell’allora ministro dell’Agricoltura Gianni Alemanno.

Operatori soddisfatti

“Qualora l’andamento stagionale dovesse proseguire su questa linea – commenta Andrea Costa, referente di Coldiretti per l’area di Sermide e Felonica – potremmo ipotizzare un ritorno di fiamma degli agricoltori, per assestare la superficie mantovana intorno ai 1.700-1.800 ettari”.

Gli operatori ad oggi sono soddisfatti. “Abbiamo seminato circa 100 ettari e altri 260 li gestiamo in conto terzi – dichiara Cristiana Magnani, imprenditrice agricola di Moglia -. Rispetto al 2019 è tutta un’altra annata. Le produzioni lorde sono passate da una media di 660-670 quintali per ettari a poco più di 900 quintali, con una media intorno ai 15 gradi di polarizzazione”.

I pagamenti degli zuccherifici

Calcolatrice alla mano, significa che i pagamenti che gli zuccherifici dovrebbero aggirarsi intorno ai 450-460 euro alla tonnellata, più il premio Pac, che supera i 730 euro all’ettaro. Cifre remunerative, che permettono di pianificare l’attività aziendale con maggiore serenità rispetto ad annate nere come il 2019.

Bene anche il trend delle barbabietole biologiche, che hanno risposto in maniera molto soddisfacente sia al parametro qualitativo (16° brix) che quantitativo (530-540 quintali per ettaro), con prezzi di ritiro superiori anche del doppio rispetto al convenzionale.

I cambiamenti climatici

Restano comunque alcuni elementi di incertezza, affermano gli agricoltori. Uno è legato ai cambiamenti climatici, che fra grandine, bombe d’acqua e trombe d’aria minacciano di abbattere la percentuale zuccherina all’interno della barbabietola. Ne è testimone Vanni Chiari di Sermide, che per le bizze del meteo si è visto costretto a procrastinare di un paio di settimane la raccolta di un prodotto che presenta, comunque, una buona qualità.

L’altra incognita, in alcuni casi, riguarda elementi di natura logistica, con gli zuccherifici che hanno tagliato sulla flotta destinata al trasporto del prodotto agli impianti di Minerbio (Bologna) e Pontelongo (Padova), proprio quando sarebbero serviti più camion a disposizione per fronteggiare una campagna di raccolta abbondante.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia